Pro 14: Zebre senza chance con gli Ospreys

Si è conclusa in Galles la sfida tra la franchigia federale e la squadra di Swansea.

Tre mete di Luke Morgan spengono le Zebre che difendono come possono per oltre un quarto di gioco, prima che la meta tecnica degli Ospreys apre le marcature. Prima del riposo prima meta dell’ala gallese, che concede il bis e il tris nella ripresa, con i bianconeri incapaci di rispondere e che subiscono altre due mete nel finale.

Cominciano bene i bianconeri che potrebbero passare avanti ma il calcio piazzato di Brummer é largo al 3°. I gallesi sono più pericolosi ma pasticciano con l’ovale vanificando alcune occasioni. E’ il pacchetto di mischia degli Ospreys a guadagnare la prima meta al 24°, una meta tecnica concessa dall’arbitro sudafricano dopo due falli consecutivi in mischia chiusa ai 5 metri. Il XV di coach Bradley é fermato dall’indisciplina e concede molto territorio ai padroni di casa che colpiscono ancora al 33° con Morgan alla bandierina. A tempo scaduto il 9° fallo italiano costa il cartellino giallo a Ceciliani. I gallesi non riescono a segnare in superiorità numerica ad inizio ripresa grazie ad una difesa italiana davvero sugli scudi. La terza meta é frutto dell’ampio possesso che sorride agli Ospreys che colpiscono solo al 57°. Servono oltre 20 fasi ben difese da George Biagi e compagni nei propri 5 metri per trovare la meta alla bandierina. I bianconeri non riescono a sfruttare alcune rimesse in attacco per sbloccare il proprio tabellino e capitolano ancora al 70° con la terza meta di Luke Morgan votato poi migliore in campo. A tempo scaduto arriva la 5a meta dei padroni di casa in superiorità numerica per il giallo a Boni.

OSPREYS – ZEBRE 43-0

Venerdì 30 novembre, ore 20.35 – Liberty Stadium, Swansea
Ospreys: 15 Dan Evans, 14 George North, 13 Scott Williams, 12 Owen Watkin, 11 Luke Morgan, 10 Sam Davies, 9 Aled Davies, 8 Justin Tipuric, 7 Sam Cross, 6 Olly Cracknell, 5 Alun Wyn Jones, 4 Adam Beard, 3 Tom Botha, 2 Scott Baldwin, 1 Nicky Smith
In panchina: 16 Scott Otten, 17 Gareth Thomas, 18 Alex Jeffries, 19 Lloyd Ashley, 20 James King, 21 Harri Morgan, 22 James Hook, 23 Cory Allen
Zebre: 15 Edoardo Padovani, 14 Paula Balekana, 13 Giulio Bisegni, 12 Tommaso Boni, 11 Jamie Elliott, 10 Francois Brummer, 9 Guglielmo Palazzani, 8 Giovanni Licata, 7 Johan Meyer, 6 Maxime Mbandà, 5 George Biagi, 4 David Sisi, 3 Eduardo Bello, 2 Massimo Ceciliani, 1 Cruze Ah-Nau
In panchina: 16 Luhandre Luus, 17 Daniele Rimpelli, 18 Giosuè Zilocchi, 19 Apisai Tauyavuca, 20 Samuele Ortis, 21 Joshua Renton, 22 Maicol Azzolini, 23 Jacopo Bianchi
Arbitro: Cwengile Jadezweni
Marcatori: 24′ m.t. Ospreys, 33’ m. Morgan, 38’ cp. S.Davies, 57’ m. Morgan tr. S.Davies, 69’ m. Morgan tr. S.Davies, 78’ m. Otten tr. Hook, 80’ m. Cracknell tr. Hook

Foto – Instagram/zebrerugby

This poll is no longer accepting votes

Vota il Buttiga Player of the Year 2019
7727 votes
VotaRisultati

6 commenti su “Pro 14: Zebre senza chance con gli Ospreys

  1. Beh dai, un figurone! Pensare che si era scritto qui che tornavano i nazionali…
    Quello che continua a meravigliarmi è il mancato massacro mediatico , che prima veniva scientemente praticato alla compagine privata.
    A pensar male, a volte ci…….

  2. Io credo che dovremmo uscire dalla Celtic e dal 6N per un dovere di onestà.
    Con i quattrini che abbiamo preso la Georgia sarebbe stabilmente tra le prime 8 nel ranking!

  3. Mi è sembrato di vedere le Zebre di qualche anno fa’, inconcludenti in attacco e deboli in difesa. Si era iniziato benino quest’anno , da qualche settimana sembra ci sia una involuzione nel gioco , non capisco il motivo!

Rispondi