Video: Cheetahs – Treviso, lo show di Barbini

Durante la sfida di Guinness Pro 14 il numero 8 biancoverde (insieme a Federico Ruzza) è stato protagonista nelle prime due mete del match.

Una sconfitta che brucia, arrivata nel finale di un match che la Benetton Treviso poteva e doveva vincere. Una sconfitta con i biancoverdi che hanno messo a segno tre mete e dove a essere protagonista assoluto è stato Marco Barbini e i suoi offload. Ecco il suo show, cui ha contribuito anche un ottimo Federico Ruzza. Entrambi, però, evidentemente non validi per il progetto di Conor O’Shea.
Segui live e in esclusiva tutte le partite della Benetton Treviso su DAZN

This poll is no longer accepting votes

Vota il Buttiga Player of the Year 2019
7727 votes
VotaRisultati

9 commenti su “Video: Cheetahs – Treviso, lo show di Barbini

  1. Gesti tecnici assolutamente non adatti al livello… 🙂 al di fuori di qualsiasi game plan…come prendere in considerazione certi giocatori? Ci sarebbe il rischio concreto di vedere del bel gioco in Nazionale.. 🙂

    1. Si ma perchè nessuno lo chiede chiaro e tondo a Co’S? Che poi quasi sicuramente darà una risposta di circostanza, ma almeno si mette qualche pulce nell’orecchio. Perchè lui non è stupido, e nessuno mi convince (per ora) che Barbini non lo chiami perchè gli hanno chiesto di non farlo

  2. Non penso ci sia un veto ” federale”.
    Penso sia farina di COS, il quale ha già dimostrato qualche limite nella gestione dei giocatori, lasciamo perdere piano di gioco ecc ecc.
    Comunque dopo la spazzolata di sabato e il non certo brillante novembre, oggi lunedì i pochi che parlano di rugby sono già rientrati nella abituale routine …..insomma come niente fosse successo.

  3. Ricordo che Ruzza nella Benetton chiama le giocate in touche e tecnicamente è migliorato moltissimo, fargli fare 10 minuti dopo una settimana in america e poi nemmeno considerarlo non è stato molto saggio dato che il suo ruolo in nazionale è stato ricoperto da uno di 34 anni e uno di 32 anni che sono durati 50 minuti…altra occasione persa da cor per far esperienza ai giovani!

  4. Cerco di convincermi che il rugby è sport che si gioca con le mani, ma continuo ad avere l’idea che invece si giochi con la testa. L’offload è una di quelle pratiche che evidenziano la differenza, in alcuni campi d’Italia si fanno con la testa in altri con le mani e non ci vuole tanto a capire i rispettivi indirizzi.
    Per quanto riguarda i nostri due auspico e mi auguro che l’ostracismo federale continui cosicché la Benetton se ne possa avvantaggiare. Per chi non crede a queste fake news ricordo cosa disse un tale di Minto e che fine ha fatto Minto, che cosa disse lo stesso tale di Munari e dove adesso si trovi Munari.
    Pace e bene

Rispondi