Italia – Georgia: i tanti dubbi di coach Haig

I georgiani si presentano a Firenze con molte assenze di peso e tanti giovani.

Se l’Italia si interroga sulla coperta più o meno lunga dopo gli ultimi forfait forzati – da Marcello Violi a Jayden Hayward – la Georgia è conscia che in questo novembre ovale dovrà fare a meno di molti pezzi da novanta. Lo sa coach Milton Haig, che però vuole vedere il lato positivo della situazione, cioè l’opportunità di testare interessanti alternative in vista della Rugby World Cup del 2019.

La Georgia, infatti, vedrà le assenze di peso di Kote Mikautadze, David Kacharava, Karlen Asieshvili, Giorgi Nemsadze, Vito Kolelishvili, Koki Tkhilaishvili, Mirian Modebadze, Guga Shengelia, Merab Kvirikashvili e del giovane talento Sandro Svanidze, tutti out per infortunio. Per ovviare a queste assenze saranno ben quattro gli esordienti, con un ulteriore giocatore con un solo cap alle spalle. Sono Guram Gogichashvili, Tedo Abjandadze, Beka Gigashvili, Grigol Kerdikoshvili e Zurab Dzneladze.

“Questa campagna sarà difficile perché abbiamo un numero di giocatori più esperti con infortuni. Ma questa sarà una grande opportunità per coloro che prenderanno il loro posto nella Nazionale, per mostrare agli allenatori cosa possono fare, mentre allo stesso tempo continueremo a dare profondità nei vari ruoli – ha detto Haig –. Detto questo, abbiamo ancora un gruppo di giocatori esperti che conoscono i nostri sistemi di gioco e che hanno fatto bene in passato per la Nazionale, quindi mi aspetto che questi giocatori guidino la squadra. Ci sono anche alcuni giovani entusiasmanti giocatori che stanno giocando molto bene per i loro club sia qui in Georgia sia in Francia e stiamo aspettando di vedere cosa possono portare alla nostra squadra”.

GEORGIA – convocati

Trequarti: Sandro TODUA (Batumi) Giorgi APTSIAURI (Lokomotiv Tbilisi) Soso MATIASHVILI (Lelo Saracens Tbilisi) Anzor SITCHINAVA (Batumi) Lasha MALAGHURADZE (Yar Krasnoyarsk) Merab SHARIKADZE (Aurillac) Tamaz MTCHEDLIDZE (Agen) Giorgi KVESELADZE (Armazi Marneuli) Giorgi KOSHADZE (Kharebi Rustavi) Zurab DZNELADZE (Lokomotiv Tbilisi) Lasha KHMALADZE (Batumi) Tedo ABZHANDADZE (Aia Kutaisi) Giorgi BEGADZE (Lokomotiv Tbilisi) Vasil LOBZHANIDZE (Brive) Gela APRASIDZE (Montpellier)
Avanti: Mickheil NARIASHVILI (Montpellier) Zurab ZHVANIA (Wasps) Guram GOCICHASHVILI (Racing) Shalva MAMUKASHVILI (Enisey Krasnoyarsk) Jaba BREGVADZE (Sunwolves) Badri ALZHAZASHVILI (Toulon) Dudu KUBRIASHVILI (Grenoble) Levan CHILACHAVA (Montpellier) Beka GIGASHVILI (Grenoble) Lasha LOMIDZE (Aurillac) Nodar TCHEISHVILI (Cornish Pirates) Grigor KERDIQOSHVILI (Lelo Saracens Tbilisi) Shalva SUTIASHVILI (Angouleme) Beka BITSADZE (Narbonne) Otar GIORGADZE (Brive) Saba SHUBITIDZE (Batumi) Beka GORGADZE (Bordeaux) Giorgi TSUTSKIRIDZE (Aurillac)

3 commenti su “Italia – Georgia: i tanti dubbi di coach Haig

  1. Intanto ho capito che in Georgia se uno ha il cognome che finisce per ADZE da grande è molto probabile che giochi nei 3/4 mentre quelli il cui cognome finisce per SHVILI è quasi certo giocheranno in mischia.

Rispondi