Storie ovali: Bologna, ecco il Sante Pollastri del rugby

Un pregiudicato è stato arrestato mentre era a vedere una partita di rugby.

“Un bravo poliziotto che sa fare il mio mestiere, sa che ogni uomo ha un vizio che lo farà cadere e ti fece cadere la tua grande passione di aspettare l’arrivo dell’amico campione. Quel traguardo volante ti vide in manette brillavano al sole come due biciclette” cantava Francesco De Gregori, raccontando la storia di Sante Pollastri, criminale e amico del grande Girardengo e che venne tradito, si racconta, proprio per aver seguito l’amico d’infanzia durante una gara a Parigi.

Così, oggi, è finito in manette un ricercato a Bologna. Come scrive l’Ansa, infatti, l’amore per il rugby lo ha tradito, facendolo finire in manette. Un 33enne di Castel Guelfo, nel Bolognese, è stato arrestato dai carabinieri di Imola, per aver violato gli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e anche per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il 33enne, infatti, è stato individuato al campo da rugby ‘Casatorre’, a Castel San Pietro Terme, nel Bolognese. Era lì per guardare una partita, ma per lui il match è terminato prima con l’arresto dei carabinieri. Ma per lui, probabilmente, nessun cantautore scriverà una canzone.

3 commenti su “Storie ovali: Bologna, ecco il Sante Pollastri del rugby

Rispondi