Pro 14: Zebre, con i Kings è subito vittoria

A Parma si è conclusa la prima sfida della stagione. Grave infortunio per Matteo Minozzi.

Iniziano bene le Zebre, che nei primi minuti mettono sotto pressione i Southern Kings. Con un vantaggio da giocare prova a trovare al largo Venditti con il piede Canna, ma il calcio non è preciso e si torna indietro. Dalla seguente touche buona maul bianconera ed è Oliviero Fabiani a schiacciare in meta, con Canna che trasforma per il 7-0 al 5′. I sudafricani provano a rispondere, ma le Zebre difendono bene e quando hanno il possesso conquistano una punizione che l’apertura mette tra i pali per il 10-0. Poco dopo, però, un errore regala palla ai Kings e Michael Botha si invola in meta tra i pali per il 10-7 al 16′. A peggiorare le cose, un minuto dopo, il grave infortunio a Matteo Minozzi, il cui ginocchio si gira malamente in un placcaggio e l’estremo azzurro deve lasciare il campo in barella e rischia un lungo stop.

Crescono di livello i Southern Kings, soffrono le Zebre in difesa, ma i sudafricani sono poco precisi e grazie a un paio di avanti i bianconeri si salvano. Prova a dare la sveglia ai padroni di casa il neoentrato Padovani, ma sono sempre i sudafricani a rendersi pericolosi, sfruttando la velocità per mettere in difficoltà la difesa delle Zebre. L’indisciplina dei Kings, però, permette alle Zebre di respirare e di risalire il campo poco dopo la mezz’ora di gioco, con i bianconeri che sono ancora in vantaggio nonostante la sofferenza. Tanta confusione in campo, troppi palloni persi da un lato e dall’altro e così anche le Zebre sprecano un paio di buone occasioni palla in mano. Al 36′ bel calcio di Canna che obbliga i Kings a una touche sui propri 5 metri, palla calciata via, ma sul prosieguo è Mattia Bellini a prendere la palla, salta un paio di avversari e poi si allunga per la seconda meta del match. Errori e indisciplina sudafricana regalano l’ultima chance dei primi 40 minuti nuovamente a Biagi e compagni, che però sbagliano la touche e si va al riposo sul 17-7 per le Zebre.

Partono meglio i Southern Kings nella ripresa, ma come nel primo tempo sono soprattutto gli errori di handling a scandire il match e Zebre che possono recuperare e ripartire. Bianconeri che imbastiscono una bella e lunga azione, partendo dai propri 22, ma un errore ribalta la situazione e serve il recupero di Meyer per impedire ai Kings di andare in meta. Rischiano troppo i padroni di casa, con Marcello Violi che con un bel calcio libera i 22 e salva la situazione. Al 51′ i sudafricani si portano a distanza di break con una punizioni di Banda. Tre minuti ed è il neoentrato Tuivaiti a fare fallo e altri tre punti per i Kings che vanno a -4. Il neozelandese, però, si fa perdonare al 55′, quando prende palla da Violi e sfonda schiacciando in meta e Zebre che scappano nuovamente via sul 24-13.

Ancora Tuivaiti protagonista, questa volta nuovamente con un fallo, e ancora Banda sulla piazzola dalla distanza e Kings che all’ora di gioco tornano a -8 dai padroni di casa. Sono gli ospiti a fare la partita e le Zebre soffrono l’atletismo dei sudafricani. L’indisciplina, però, torna a sorridere ai bianconeri e Carlo Canna si conferma perfetto dalla piazzola e nuovo +11 per i padroni di casa. Al 71′ avanti volontario di Andisa Ntsila e cartellino giallo che lascia i Kings in inferiorità, mentre le Zebre vanno in touche per cercare il bonus. Lunga azione bianconera sui 5 metri con Biagi e compagni che cercano di sfondare, ma alla fine c’è l’avanti che ferma tutto. Insistono le Zebre, restano nei 22 sudafricani, ma Ceciliani perde l’ovale a un passo dalla meta del bonus. Sempre Zebre a un metro dalla realizzazione, ma ancora una volta non arriva il colpo decisivo. Meta che, finalmente, arriva a tempo scaduto quando è Apisai Tauyavuca a schiacciare regalando i primi 5 punti alle Zebre.

ZEBRE – SOUTHERN KINGS 32-16

Venerdì 31 agosto, ore 20.35 – Stadio Lanfranchi, Parma
Zebre: 15 Matteo Minozzi, 14 Mattia Bellini, 13 Giulio Bisegni, 12 Tommaso Castello, 11 Giovanbattista Venditti, 10 Carlo Canna, 9 Marcello Violi, 8 Renato Giammarioli, 7 Johan Meyer, 6 David Sisi, 5 George Biagi, 4 Leonard Krumov, 3 Dario Chistolini, 2 Oliviero Fabiani, 1 Andrea Lovotti
In panchina: 16 Massimo Ceciliani, 17 Daniele Rimpelli, 18 Giosué Zilocchi, 19 Apisai Tauyavuca, 20 Jimmy Tuivaiti, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Francois Brummer, 23 Edoardo Padovani
Kings: 15 Michael Botha, 14 Michael Makase, 13 Harlon Klaasen, 12 Berton Klaasen, 11 Yaw Penxe, 10 Masixole Banda, 9 Rudi van Rooyen, 8 Ruaan Lerm, 7 Tienie Burger, 6 Henry Brown, 5 Bobby de Wee, 4 Schalk Oelofse, 3 Luvuyo Pupuma, 2 Michael Willemse, 1 Justin Forwood
In panchina: 16 Alandre van Rooyen, 17 Schalk Ferreira, 18 Luphumlo Mguca, 19 JC Astle, 20 Andisa Ntsila, 21 Godlen Masimla, 22 Martin du Toit, 23 Ulrich Beyers
Arbitro: Mike Adamson
Marcatori: 5′ m. Fabiani tr. Canna, 15′ cp. Canna, 16′ m. Botha tr. Banda, 37′ m. Bellini tr. Canna, 50′ cp. Banda, 54′ cp. Banda, 55′ m. Tuivaiti tr. Canna, 60′ tr. Banda, 68′ cp. Canna, 80′ m. Tauyavuca

4 commenti su “Pro 14: Zebre, con i Kings è subito vittoria

  1. Bene, ma che fatica. La sagra delle occasioni buttate + un orribile infortunio a Minozzi che speriamo si riprenda in fretta. Comunque Zebre che in attacco fanno e disfano, i Kings di più (per fortuna). Meyer che salva una meta che per me vale il MoM

  2. Kings imbarazzanti e Zebre che li tengono vivi per troppo tempo. Sudafricani con qualche elemento interessante, ma poco squadra e pochissima concentrazione. Zebre che alla lunga fanno valere una maggiore disciplina e sostanza nelle fasi di conquista, ma di positivo c’è solo il risultato.

Rispondi