Rugby Championship: Argentina amara per il Sud Africa

I Pumas vincono a Mendoza e fermano gli Springboks, che vedono la Nuova Zelanda scappare via.

All Blacks in fuga nella Rugby Championship dopo il successo dell’Argentina a Mendoza contro il Sud Africa. Gli Springboks cadono e i dubbi del passato riaffiorano nella squadra di Rassie Erasmus, mentre i Pumas possono finalmente sorridere dopo un 2018 fin qui difficile.

E pensare che gli Springboks partono bene, e dopo un piazzato iniziale di Nicholas Sanchez marcano la meta al 14′ con
Siya Kolisi. Ma a questo punto sale in cattedra la maglia numero 14 dei biancocelesti, Bautista Delguy, che nel giro di quattro minuti (19′, 23′) va in meta due volte, con Nicolas Sanchez che al 27′ marca la sua meta personale per la fuga dell’Argentina. Un drop dell’apertura di casa chiude il primo tempo con l’Argentina avanti 27-7 e match virtualmente chiuso.

Gli Springboks tornano in campo con la voglia di riaprire i giochi, ma sprecano troppo e quando al 46′ ad andare in meta è Ramiro Moyano la partita finisce. A poco serve il ritorno di fiamma del Sud Africa, che va in meta due volte con Lionel Mapoe al 48′ e al 65′, perché serve solo a fissare il punteggio sul 32-19 per l’Argentina. Mario Ledesma festeggia il primo successo da ct dei Pumas, mentre Rassie Erasmus deve fare i conti coi dubbi del passato.

Foto – Instagram/unionargentina

Un commento su “Rugby Championship: Argentina amara per il Sud Africa

  1. Pumas che sfruttano appieno una giornata dei Boks da mano nei capelli per Erasmus che dovra’ rivedere alcune cose. Pumas che fanno un ottimo lavoro a giocare sugli errori dei Boks, che troppo spesso finiscono in isolamento con conseguente turnover.
    Bene il pack Pumas nei set pieces con dei Boks che hanno avuto troppe difficolta’ per emergere, di nuovo sui lineout in particolare.

    Boks che confermano la mia impressione pre-torneo che ci fosse ancora tanto, tantissimo lavoro da fare per Erasmus. Io continuo a non essere convinto da Faf de Klerk, per un break buono che prende fa poi tanta confusione e tira stracci dalla base della ruck che metterebbero in difficolta’ chiunque, l’assenza di un mm di primissima fascia si fa sentire e tanto nei Boks. Anche sui cnetri in particolare in fase difensiva io ho qualche dubbio.

    Pumas: come detto capitalizzano bene sugli errori tattici e sul campo dei Boks, nel secondo tempo vanno comunque un po’ in apena ma alla fine tengono botta e la portano a casa. Una bella boccata d’ossigeno per Ledesma ma ancora tanta, tantissima strada da fare anche per lui…sensazione eprsonale che i Boks di ieri per come hanno giocato avrebbero battuto nessuno nelle prime 10 posizioni del ranking e dico avrebbero anche rischiato con squadre come Giappone ed Italia.

Rispondi