Rugby Championship: Australia e Nuova Zelanda, ora si gioca

Oggi alle 11.45, con diretta su Sky Sport Arena, primo match del torneo downunder.

Via, si parte. Alle 11.45 italiane, a Sydney, parte la Rugby Championship 2018 e parte con la sfida che vale una fetta di Bledisloe Cup tra Wallabies e All Blacks. Favoriti i tuttineri, ma la squadra di Cheika è apparsa in crescita nei test contro l’Irlanda e giocare in casa potrebbe regalare a Hooper e compagni quell’arma in più per sorprendere Read e compagni. Tante, però, le assenze per gli australiani, soprattutto a centro e tallonatore, e gli All Blacks punteranno su questi limiti per fare male. Diretta su Sky Sport Arena.

AUSTRALIA – NUOVA ZELANDA

Sabato 18 agosto, ore 11.45 – ANZ Stadium, Sydney
Australia: 15 Israel Folau, 14 Dane Haylett-Petty, 13 Reece Hodge, 12 Kurtley Beale, 11 Marika Koroibete, 10 Bernard Foley, 9 Will Genia, 8 David Pocock, 7 Michael Hooper, 6 Lukhan Tui, 5 Adam Coleman, 4 Izack Rodda, 3 Sekope Kepu, 2 Tatafu Polota-Nau, 1 Tom Robertson
In panchina: 16 Tolu Latu, 17 Allan Alaalatoa, 18 Taniela Tupou, 19 Rob Simmons, 20 Pete Samu, 21 Nick Phipps, 22 Matt Toomua, 23 Jack Maddocks
Nuova Zelanda: 15 Ben Smith, 14 Waisake Naholo, 13 Jack Goodhue, 12 Ryan Crotty, 11 Rieko Ioane, 10 Beauden Barrett, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read, 7 Sam Cane, 6 Liam Squire, 5 Samuel Whitelock, 4 Brodie Retallick, 3 Owen Franks, 2 Codie Taylor 1 Joe Moody
In panchina: 16 Nathan Harris, 17 Karl Tu’inukuafe, 18 Tim Perry, 19 Scott Barrett, 20 Ardie Savea, 21 TJ Perenara, 22 Damian McKenzie, 23 Anton Lienert-Brown
Arbitro: Jaco Peyper

Foto – Instagram/allblacks

Un commento su “Rugby Championship: Australia e Nuova Zelanda, ora si gioca

  1. Opinione personale ma per me questa e’ la piu’ a rischio per gli ABs, calcolando che per me i Boks sono ancora un cantiere aperto.

    La chiave nella serie con l’Irlanda della crescita Wallabies rispetto alla scorsa stagione ed ad un novembre piuttosto burttino e’ stata nei set pieces con un pack che e’ stato estremamente competitivo e di fronte aveva il pack irlandese che e’ uno dei piu’ performanti si possano affrontare. Vero alcune assenze ma per me a giusgnio nei set pieces gli uomini chiave furono Rodda-Coleman e ci sono, determinantre sara’ la loro capacita’ in fase di spinta in mischia ma anche il gran lavoro sia come ball carriers che in puilizia in ruck che possono fare…contro la coppia di seconde piu’ performante a livello internazionale in Whitelock-Retallick pero’ non sara’ facile.

    Dove gli Australiani poi devono rieptersi per avere una chance dio giocarsela e’ l’intensita’ difensiva e nei BD ovviamente. In difesa servira’ rivedere quella velocita’ nel salire e bloccare il gioco avversario che potrebbe permettere poi ad Hooper e Pocock di fare il lavoro sui bd che sanno fare, mentre in attacco nel secondo e terzo TM con gli irlandesi forse sono stati meno efficaci nel pulire velocemente e dare possiblita’ di ricilo veloce del pallone con continuita’. Purtroppo per loro nei BD troverano il peggior avversario possibile, una squadra che negli ultimi anni di battagle nei BD ne han perse ben poche.
    ABs leggi la formazione, pensi al SR e difficilmente vedi punti deboli o non li puoi vedere come favoriti, e favoriti lo sono. Hanno il pack per fronteggiare chiunque e la potenza di fuoco di una 3/4 che non ha nessuno. La chiave sara’ evitare che l’Australia tra salite veloci difensive e soffocamento dei BD mettano sabbia nei loro ingranaggi, e fli ABs hanno le qualita’ per riuscire a muovere veloce l’ovale per evitare che le salite australiane riescano a incepparli, ed hanno la fisicita’ e velocita’ per non perdere la battaglia dei BD, anzi dominarla. I primi 20 minuti penso saranno quelli piu’ difficili per loro, ma sono una squadra che riesce sempre a tenere la mente fredda e capire come gestire i diversi momenti del match.

    Intriganti diverse sfide individuali ma la sfida Folau-Smith e’ quella che promette scintille. Assenza di Kuridrani che toglie un giocatore di grande abrasivita’ e che crea spazi e gioco importanti per i Wallabies, a mio avviso l’assenza piu’ importante del match.

    Alla fine dico ABs, ma se i Wallabies riuscirannoa ripetere le prestazioni di giugno potrebbe essere molto chiusa.

Rispondi