Super Rugby: Lions, una ripresa per la finale

Si è conclusa a Johannesburg la seconda semifinale del campionato downunder.

Emozioni ed equilibrio a Johannesburg, dove gli australiani Waratahs tentano il blitz nei primi minuti. Prima Ned Hanigan al 4′ e poi il solito Israel Folau all’8′ piazzano un uno/due micidiale. I Lions barcollano, ma non vanno ko e al 21′ rispondono con Kwagga Smith e al 26′ si portano a -2 con Aphiwe Dyantyi. E i sudafricani non abbassano la guardia, insistono e il sorpasso arriva al 35′ con la terza meta, questa volta di Malcolm Marx. E i Waratahs? Dopo aver sofferto reagiscono e al 39′ impattano con Tom Robertson per il 19-19 con cui si va al riposo.

Nella ripresa, però, torna ad allungare la squadra di casa, con i Lions che prima si affidano al piede di Jantjies al 55′ e poco dopo alla seconda meta di giornata di Malocolm Marx. I Waratahs questa volta sentono il colpo, non riescono a reagire come nel primo tempo e la meta di Kwagga Smith al 63′ porta i Lions oltre il doppio bonus e, di fatto, chiude il match. Gli australiani ci provano, ma ormai il gap è troppo e i Tahs non possono riaprire la sfida, nonostante la meta di Jake Gordon al 76′. I Lions vincono 42-26 con la meta finale di Courtnall Skosan e raggiungono i Crusaders in finale.

Un commento su “Super Rugby: Lions, una ripresa per la finale

Rispondi