RWC Sevens 2018: Ecco le favorite di San Francisco

Si disputa questo weekend la Coppa del Mondo di rugby a sette. Ecco chi tenere d’occhio in campo maschile e femminile.

Torna dopo cinque anni la Rugby World Cup Sevens, la Coppa del mondo dedicata alla disciplina olimpica del rugby. Da venerdì sera alla notte tra domenica e lunedì a San Francisco le migliori squadre al mondo si sfideranno in un torneo velocissimo e che non dà scampo a chi perde. A differenza delle World Series, ma anche delle Coppe del Mondo a XV, infatti, a San Francisco si partirà subito con sfide a eliminazione diretta, con un tabellone in stile tennistico.

RWC7S MASCHILE

In campo maschile le migliori 8 al mondo salteranno il primo turno ed entreranno in scena nella tardissima notte tra venerdì e sabato, quasi all’alba. Da tenere d’occhio, ovviamente, sono soprattutto il Sud Africa, vincitore delle ultime World Series, e le Fiji, seconde e che si sono aggiudicate ben cinque tappe dell’ultimo torneo mondiale. Con loro ci sono i sempre presenti All Blacks 7s, che però quest’anno hanno faticato a trovare l’acuto negli scontri diretti, mentre outsider di lusso sono l’Australia, l’Inghilterra e i padroni di casa degli USA.

Possibili sorprese possono essere l’Argentina, che ha ben figurato quest’anno, e il Kenya, squadra difficile da inquadrare e che sa alternare prestazioni di livello assoluto a passaggi a vuoto prolungati. Curiosità, infine, per l’Irlanda, squadra che dovrà passare come il Kenya dalle qualificazioni, ma che quest’anno ha fatto un salto di livello incredibile, dominando sin qui le Grand Prix Series europee e raggiungendo i playoff nelle due tappe delle World Series cui ha partecipato.

RWC7S FEMMINILE

Sembra una corsa a due già scritta, invece, quella del torneo femminile che darà il via al lungo weekend di San Francisco venerdì alle 19 italiane. Favorite d’obbligo, infatti, sono le campionesse olimpiche dell’Australia e le Black Ferns 7s, cioè la squadra neozelandese. Le due formazioni hanno monopolizzato le World Series di quest’anno, vincendo tutte e cinque le tappe e sfidandosi in finale in tre occasioni. Non solo, ma le due nazionali hanno vinto tutte le World Series dalla nascita nel 2012 e anche qui in quattro occasioni su sei si sono piazzate ai primi due posti.

L’Australia, inoltre, come detto è campione olimpico in carica, avendo battuto proprio la Nuova Zelanda in finale. Una corsa a due che, però, ha alcune outsider di lusso. Sicuramente il Canada, terzo a Rio 2016, e che è da anni a ottimi livelli, mentre quest’anno si è messa particolarmente in luce la Francia, capace di raggiungere la finale nella tappa giapponese delle World Series. Da tenere d’occhio anche le padrone di casa degli USA, così come la Russia, mentre l’incognita più grande sono le figiane che arrivano da una stagione difficile e senza soddisfazioni.

Foto – Mike Lee – KLC fotos for World Rugby

Rispondi