Rugby 7s: Italia deludente, chiude solo settima

Si è conclusa a Marcoussis l’avventura azzurra nella seconda tappa delle Grand Prix Series.

Due sconfitte nette, con l’Italia che gioca male e le avversarie troppo superiori, poi un moto d’orgoglio nel finale contro il Galles valgono agli azzurri almeno il settimo posto in Francia.

ITALIA – GERMANIA 0-24

Inizia in salita il quarto di finale per l’Italia, che dopo un primo fallo commesso concede campo e possesso alla Germania che va così in meta dopo due minuti di gioco. Insiste la Germania, non riesce a risalire il campo la squadra di Vilk e poco dopo arriva la seconda meta dei tedeschi. E diventa 17-0 alla ripresa del gioco, con gli azzurri che dormono sul calcio d’avvio tedesco, la Germania che raccoglie e schiaccia con una facilità imbarazzante. Prova una reazione d’orgoglio il 7s azzurro, ma un avanti impedisce all’Italia di trovare i primi punti del match. Si chiude, così, un primo tempo a senso unico.

Troppo isolati gli azzurri quando cercano di sfondare e, così, la Germania recupera il pallone senza grosse difficoltà. Ci prova Ragusi, ma si perde tra i difensori tedeschi, mentre un brutto errore di Rossi regala palla e meta alla Germania a un minuto e mezzo dalla fine, con match che si chiude qui e Italia che si giocherà i playoff per il quinto posto, mentre la Germania si conferma in semifinale come a Mosca.

Negli altri quarti di finale soffre l’Irlanda, che con il Portogallo deve rimontare dallo 0-12 ed è costretta ai tempi supplementari, dove però una fiammata regala agli irish un posto in semifinale. Grande equilibrio anche tra Francia e Inghilterra, dove alla fine è una meta poco prima dello scadere a dare il successo ai britannici e a condannare i padroni di casa, che così affronteranno l’Italia nella semifinale per il quinto posto. Infine, netto successo della Russia sul Galles e, dunque, le semifinali per il titolo sono Irlanda-Russia e Germania-Inghilterra, cioè con tre squadre in corsa per gli Hong Kong 7s che chiuderanno davanti all’Italia.

ITALIA – FRANCIA 12-38

Un’Italia sin qui deludente a Marcoussis deve, dunque, sfidare i forti padroni di casa per provare a restare vicino a Irlanda, Germania e Russia in classifica. Ma fin da subito errori di handling e una difesa non perfetta costano caro all’Italia che subisce la prima meta del match dopo un paio di minuti di gioco. E poco dopo i placcaggi mancati costano la seconda meta all’Italia. Troppo forte questa Francia, come già visto ieri, che prima dell’intervallo va nuovamente in meta per il 19-0. Prima del fischio arriva, finalmente, la meta azzurra al largo e si va all’intervallo sul 19-5.

A inizio ripresa avanti volontario della Francia e cartellino giallo. Con la superiorità l’Italia riesce nuovamente ad andare in meta e a portarsi a -7. L’illusione della rimonta, però, dura pochi attimi e la Francia torna a marcare e ad allungare. E’ un’Italia troppo molle, poco convinta, che commette errori banali e, così, la Francia marca nuovamente due volte per il 38-12 finale. Italia che ora proverà almeno ad arrivare settima nella finalina contro il Galles.

ITALIA – GALLES 24-21

Serve un successo per dare un senso a un weekend negativo per il gioco espresso dall’Italia contro il Galles. Ma l’inizio non è diverso dal recente passato e dopo un paio di minuti è il Galles ad andare oltre per il primo vantaggio. Sarà anche la pioggia, ma l’Italia proprio non c’è e i britannici allungano al 4’. A poco più di un minuto dall’intervallo, però, finalmente una fiammata azzurra, meta tra i pali e -7 per l’Italia. E prima dello scadere ancora una meta italiana e squadre che si riposano in perfetta parità.

E a inizio ripresa è Simone Ragusi a dare il vantaggio all’Italia. Finalmente si vede la squadra di Vilk che gioca bene a rugby, va ancora in meta e prenota un settimo posto finale fondamentale. Cede un po’ la squadra azzurra e concede una meta, ma serve solo a fissare il punteggio sul 24-21 per gli azzurri che chiudono settimi.

Foto – Vincent Inigo / Rugby Europe

Rispondi