Mondiali 2019: le Samoa e quel fair play sconosciuto

Alla vigilia dello spareggio iridato con la Germania parole folli del presidente samoano.

Tuileapa Sailele Lupesoliai Malielegaoi è il presidente della Federazione samoana, ma anche il Primo Ministro delle Samoa. Tuileapa Sailele Lupesoliai Malielegaoi ha un nome indecifrabile, ma ancora più indecifrabili sono le parole che l’uomo ha pronunciato alla vigilia del doppio spareggio contro la Germania che vale un posto alla prossima Rugby World Cup. Attacchi durissimi alla sua squadra (reduce da 10 sconfitte consecutive, ndr.), ma soprattutto ai tedeschi.

“Tonga non è nemmeno lontanamente vicina ai duecentomila abitanti e ancora vi batte sonoramente. Questo dimostra che non avete le palle. Avete giocato dieci partite e le avete perse tutte, quindi questo mi dice che non avete coraggio” ha esordito Malielegaoi, che dunque non si preoccupa a mettere pressione alle Samoa. “La cosa buona di tutto ciò è che, quando batteremo la Germania e ci qualificheremo alla Rugby World Cup, saremo in un buon girone: sarei decisamente scioccato se non passassimo ai quarti” ha continuato. Se si qualificherà, Samoa sfiderà Irlanda, Scozia, Giappone e Russia. In molti, in realtà, sarebbero scioccati se le Samoa arrivassero terze.

Ma se le parole nei confronti della sua nazionale colpiscono, ma fanno parte del gioco, ben più vergognose quelle rivolte agli avversari. “Affronterete una squadra che non ha minimamente idea di come si giochi a rugby, quindi dobbiamo vincere questa sfida – ha dichiarato Malielegaoi, mostrano di non avere idea di cosa sia il fair play –. Se non vincete questo match, allora dovete tutti dimettervi dalla squadra. È meglio far giocare i ragazzini piuttosto che voi” conclude il numero 1 samoano. Contento lui.

Foto – Instagram/manu.samoa

5 commenti su “Mondiali 2019: le Samoa e quel fair play sconosciuto

  1. Rugby Samoano che è già da un po’ ben oltre la frutta (dessert, caffè, ammazzacaffè e fuga al momento del conto). Tulippeppe (ecc. ecc.) è un problema per Samoa e i Samoani.

  2. Nulla di nuovo,ne ho vista tanta di gente nel mondo del rugby fare ragionamenti simili. La fiera del “tu non sei abbastanza importante”

Rispondi