Quando Chicago è troppo vicino alla Georgia

Il Grillotalpa, aka Paolo Wilhelm, affronta il tema della sfida negli USA degli azzurri contro l’Irlanda.

Il prossimo novembre l’Italia affronterà il XV in maglia verde nella windy city, meno di 7 giorni prima della sfida con i Lelos, una partita che davvero non possiamo perdere. E la domanda non può essere evitata: al netto dell’aspetto economico, la trasferta su Lago Michigan era proprio necessaria?

Un test-match in più per gli azzurri, che avevano già in programma quello con la Georgia del 10 novembre, con l’Australia una settimana dopo e la sfida con gli All Blacks il 24 novembre. Una partita che dovrebbe garantire una buona visibilità alla nostra nazionale nel nuovo e ambitissimo mercato statunitense contro una squadra che in quella città può contare su una numerosa comunità. Come sottolinea lo stesso comunicato federale si tratta di “un’occasione di far conoscere sempre più il rugby italiano anche al di là dell’Atlantico”, con un occhio molto interessato all’aspetto commerciale della vicenda, che comunque vada un qualche gruzzolo le due federazioni coinvolte se lo metteranno sicuramente in tasca. Giustamente.

Tutto bene? Beh, quasi. Il “però” riguarda un aspetto tecnico/logistico. Continua a leggere Il Grillotalpa.

Un commento su “Quando Chicago è troppo vicino alla Georgia

  1. poi vai con la squadra stanca e mezza rotta a giocarti tutta la tua credibilità contro la georgia; speriamo che dietro ci sia una mossa “politica” e che ci ballino tanti soldini

Rispondi