Champions Cup: Leinster favorito dai bookmaker

Gli irlandesi nettamente favoriti rispetto al Racing 92. Nella finale di Challenge favorito il Gloucester.

Chi vincerà le finali di Bilbao questo weekend di coppe europee di rugby? Il Leinster, quasi certamente, e il Gloucester, molto probabilmente. A dirlo non è qualche esperto, o un ex campione, ma gli scommettitori. Le agenzie di scommesse, infatti, danno il successo degli irlandesi contro il Racing 92 molto probabile, mentre gli inglesi di Jake Polledri sono in vantaggio rispetto ai Cardiff Blues.

La Sisal, per esempio, dà il successo dei dubliners a 1.22, mentre un trionfo dei parigini paga 4.20; nella Challenge Cup, invece, il Gloucester paga 1.65 volte la giocata, contro il 2.30 dato ai Cardiff Blues. Cifre molto simili per Betstars, che dà la vittoria in Champions Cup del Leinster a 1.22, mentre il Racing 92 è dato a 4.33. Cifre identiche, invece, per la finale tra Gloucester e Cardiff Blues.

William Hill, invece, dà il successo del Leinster a 1.20, con la vittoria del Racing 92 che paga 4.33 volte la giocata. Per la Challenge Cup, invece, il Gloucester è dato a 1.66, con i Cardiff Blues a 2.20. Betfair, infine, scommette sul Leinster dato a 1.20, mentre i parigini pagano a 5.00; mentre Gloucester paga 1.80 e i gallesi di Cardiff 2.10.

Foto – Instagram/leinsterrugby

3 commenti su “Champions Cup: Leinster favorito dai bookmaker

  1. Non so perchè ma ho come l impressione che si rivedrà una sfida simile ad Irlanda Francia per game plan ed intensità di gioco.

  2. Come dicevo in privato, sensazioe di sopravvalutazione delle aspettative sul Leinster in finale. Mi sembra si viva da aprte dei media, tifosi ed opionione pubblica in Irlanda la sfida con un po’ troppa sicurezza. Sensazione simile a quella vissuta al quarto con l’Argentina alla RWC15.
    Il racing ha un pack potente che nei set pieces ci puo’ fronteggiare su tutti i fronti, dalla mischia ordinata, ai lineout dove Donnacha Ryan e’ uno dei giocatori che meglio legge ed interferisce sulle chimate altrui. Per il Lienster i lienout sono stati fondamentali nei successi con Saracens e Scarlets, e non possiamo rischiare di vedere questa piattaforma di gioco primaria distrutta come successo al Munster.
    Sui BD i francesi han dimostrato di essere altamente competitivi e capaci di sopraffare gli avversari, non solo fisicamente ma con una lettura del gioco e delle situazioni molto valida.
    L’assenza di MAchenaud senza dubbio pesa, e da vedere a questo punto chi giochera’ titolare apertura, senza il mediano di mischia generalino forse ritornera’ Carter titolare, ma anche partisse dalla panca e’ chiaramente l’uomo che puo’ spostare l’ago della bilancia.
    Fondamentale il contenimento di NAkarawa evitando che faccia metri su metri e nel placaggio sara’ impoertantissimo andargli a limitare il piu’ possibile l’offload…difficile pensare ad una tattica di choke continuo pero’ contro di lui, tenuto anche conto di come gli arbitri ormai siano avversi a chiamare le maul in queste situazioni di gioco.
    Se devo pensare ad un punto piu’ soft su di loro e’ sneza dubbio nei centri in fase difensiva, in particolare Vakatawa oltre ai posizionamenti di Thomas spesso troppo alto in fase di possesso avversario, situazione che uno come Sexton potrebbe punire.

    1. Ho apprezzato molto (ahimè) il lavoro dei Laurent nel prepararci la festa e mi hanno sorpreso per ordine ed esecuzione i giocatori, soprattutto quelli delle cui meningi non ho una grande opinione. Proprio per questo penso che si vedrà un piano di gioco differente tenuto conto che il LV su bd e pulizie fa paura e noi tenerezza. Penso che faranno lavorare molto Leone per assorbire i flanker ma poi andranno al largo che di fianco ai raggruppamenti con quelli là c’è da uscirne cornuti e mazziati. Si diceva con Stefo dei lineout dove ci hanno fatti neri più per demeriti nostri che meriti loro ma dove comunque si sono appoggiati costantemente. Ecco, non so se anche lì sia sano andare a tastare i saltatori del Leinster. Dall’altra parte vedo anch’io il canale centrale navigabile per Sexton e soci e li sfinirei a pedate dietro le ali. Se non li metti in soggezione e magari gli fai saltare i nervi, i francesi hanno la qualità per far danni anche al LV. Machenaud quanto a testa fredda per me pesa moltissimo, ma Carter sa fare il capoclasse a prescindere dalla compagnia.

Rispondi