Pro 14: Sud Africa, arrivano altre tre squadre?

I sudafricani stanno seriamente pensando di lasciare il Super Rugby e spostare tutte le franchigie in Celtic League.

Fuga dal Super Rugby. O SanzaarExit. Potrebbe essere questo il titolo dell’ipotesi ventilata in questi giorni dalla stampa gallese e che racconta di un Sud Africa che si sente schiacciato downunder, tra conference sbilanciate e fusi orari che rendono il torneo dell’Emisfero Sud poco appetibile per broadcaster e sponsor. E, così, l’ingresso di Cheetahs e Southern Kings nella Guinness Pro 14 potrebbe essere solo il primo passo di una ‘invasione’ arcobaleno.

Secondo quanto scrive il WalesOnline, infatti, la Saru starebbe lavorando per una exit strategy che tolga le franchigie sudafricane dal Super Rugby e le sposti nella Guinness Pro 14. E ci sarebbe già un calendario messo nero su bianco. Dalla stagione 2019/20, infatti, due nuove squadre sudafricane si affaccerebbero alla Celtic League, con i Natal Sharks in pole position.

Assieme a loro salirebbe nell’Emisfero Nord una tra Lions e Stormers, con l’altra che seguirebbe dalla stagione 2020/21, quando dunque sarebbero cinque le formazioni della Rainbow Nation a giocare nel torneo continentale. Dall’equazione, dunque, resterebbero fuori i Bulls. E, sempre secondo WalesOnline, l’ipotesi sudafricana piace ai capi della Guinness Pro 14, convinti che un deciso allargamento al Sud Africa aumenterebbe notevolmente la qualità del torneo e, di conseguenza, l’interesse e i ricavi.

Foto – Instagram/sharksrugby

10 commenti su “Pro 14: Sud Africa, arrivano altre tre squadre?

  1. Come scritto sull’altro pezzo tra piani Sanzzar di allargamento in USA e questo la contesa politico-sportiva e’ iniziata. Tutti gli accordi in essere scadono…al di la’ del Ro 14 potrebbero anche essere che EPCR guardi di buon viso l’entrata dei SAF in coppa.
    Mi sa che comunque se ne leggeranno aprecchie’ eni prossimi due anni e che possa succedere un riallineamento dei tornei.

  2. Si rifà il discorso per Cheetahs e Kings, se il pro14 viene visto come un livello intermedio tra Currie Cup e SR, allora può avere un senso parteciparvi per innalzare il livello e cercare una maggiore espansione. Se invece si decide di abbandonare totalmente il SR vuol dire abbandonare anche l idea di avvicinarsi al livello degli AB’s.
    Da un altro punto di vista, quello celtico, competere con più sudafricane significa anche attrezzarsi diversamente per la competizione, il turn over totale difficilmente potrà essere replicato, ci potrà stare di giocare consecutivamente una gara fondamentale per l accesso ai play off e la settimana dopo magari il quarto di finale di Champions cup. Inizierebbe a farsi difficile, un pò come quello che lamentano francesi ed inglesi, con la differenza che nel mondo celtico i budget stellari non ci sono.

  3. Quindi? Un campionato a 18-20 squadre in due gironi? La cosa sarebbe sulla carta interessante, ma va pianificata con calma e raziocinio, che se nel SuperRugby il punto è il fuso orario, qui ci sono le stagioni di mezzo (oltre al fatto che comunque casi come quelli dei Blues con viaggi di 2 giorni possono succedere).
    Al di là di aspetti logistici, ben venga l’espansione se porta ad un torneo di più alto livello, ma non vorrei che facendosi prendere la mano dal dollaro e dall’entusiasmo, si faccia il passo più lungo della gamba…

  4. Dopo il kilo-rugby il money-rugby…boh.
    Per carattere sono aperto alle novità, alle idee, ma questo è un progetto da portare avanti con grandissima cautela ed attenzione ai particolari. Noi italici saremmo in grado di starci dentro? Ne abbiamo la forza e le capacità strutturali e manageriali? Non riusciamo neanche ad imporci e a far “salire” qualche nostro arbitro!

    1. Secondo me non vuoi accettare che sia iniziato il valzer dei giochetti politici…un giorno qualcuno fa arrivare sulle pagine “per sbaglio” un foglio con il piano dei prossimi 10 anni della Sanzaar, due giorni dopo qualcunaltro fa arrivare ad altro giornale un altro piano…gli accordi son tutti a scadenza nel giro di due anni, ‘e’ il calendario internazionale da armonizzare ed allora si gioca, si tira e si spinge…nulla di nuovo. Quello che succedera’? Penso nessuno possa saperlo oggi…e neanche pretendere di saperlo

      1. Diro’ di piu’ vuoi scommettere che nei prossimi 6-8 mesi uscia’ anche un piano in cui il Pro 14 salta e si parla di un campionato UK&I? Ed anche di un campionato Europeo questo spinto dai top club Francesi?

  5. Bho, promuovere l’ingresso delle squadre sudafricane e poi mandarci le riserve delle riserve a giocare lo vedo un pò un controsenso ( intendo il board celtico )
    Vedremo

Rispondi