Champions Cup: Leinster schianta gli Scarlets

I dubliners dominano la semifinale europea e conquistano il biglietto per Bilbao.

Vola in finale il Leinster, un anno dopo la delusione europea, e lo fa con autorità e qualità tecniche e tattiche assolute. Gli Scarlets provano a resistere con il piede di Leigh Halfpenny dalla piazzola nel primo tempo, ma poi il dominio dei dubliners è totale e il successo netto e meritato.

Partenza buona degli Scarlets, che nei primi minuti prendono in mano il match e dopo sei minuti piazzano i primi tre punti con Leigh Halfpenny. E’ ottima, però, la risposta del Leinster che costruisce una velocissima azione sul lato destro del campo e alla fine è James Ryan che sfonda di prepotenza e Leinster avanti. Alza il ritmo e l’intensità il XV di Dublino, soffrono gli Scarlets, ma a un passo dalla meta un avanti nega la seconda marcatura irlandese. Insistono i dubliners, conquistano una punizione al 17’ e Sexton allunga dalla piazzola.

Al 22’, però, è nuovamente Halfpenny a non sbagliare dalla piazzola e si va sul 10-6 dopo un errore di McFadden su un pallone volante. Insiste però il Leinster, che sta giocando meglio degli Scarlets in questo primo tempo, con i gallesi che difendono come possono. Dubliners che ci provano più volte e alla fine arriva Cian Healy che riesce a schiacciare e padroni di casa che allungano. Scarlets che provano a reagire, si portano finalmente in attacco con una prolungata azione, ancora un fallo di Leinster e ancora una volta Leigh Halfpenny sulla piazzola per il -8 dei gallesi. Diversi errori di handling da una parte e dall’altra impediscono alle due squadre di rendersi nuovamente pericolose mentre ci si avvicina al 40’. A spingere, però, è nuovamente il Leinster e a tempo praticamente scaduto l’ovale vola al largo a McFadden (che si infortuna) che marca alla bandierina e terza meta irlandese e primo tempo che si chiude sul 24-9 per i dubliners.

Tornati in campo sono subito i ragazzi di Dublino che spingono per chiudere il discorso, ancora gallesi in difficoltà in difesa e Leinster che conquista dopo due minuti una mischia sui 5 metri. Ma l’ovale viene strappato quasi sulla linea di meta e nulla di fatto. Il gioco al piede del Leinster manda fuori giri gli Scarlets, chiusi nella loro metà campo e in difficoltà a ripartire quando conquistano palla. E, così, al 50’ match che praticamente si chiude quando prima Sexton e poi Fardy sfondano e vanno oltre per la quarta meta. E allo scadere dell’ora di gioco è Sexton a mettere la ciliegina sulla torta e staccare il biglietto per Bilbao con una finta e si infila fino in area di meta.

Match chiuso in largo anticipo e ultimo quarto all’Aviva Stadium che serve solo per le statistiche. Statistiche che continuano a premiare i dubliners, che fanno possesso e soprattutto giocano sul territorio, con gli Scarlets che non possono fare nulla e, al 74′, è Fardy che per la sesta volta va oltre, ma viene annullata. Allo scadere segnano gli Scarlets con Beirne, la sostanza, però, non cambia e dice che Leinster ha dominato e vinto meritatamente la prima semifinale di Champions Cup.

LEINSTER – SCARLETS 38-16

Sabato 21 aprile, ore 16.30 – Aviva Stadium, Dublino
Leinster: 15 Rob Kearney, 14 Fergus McFadden, 13 Garry Ringrose, 12 Robbie Henshaw, 11 Isa Nacewa, 10 Johnny Sexton, 9 Jamison Gibson-Park, 8 Jordi Murphy, 7 Dan Leavy, 6 Scott Fardy, 5 James Ryan, 4 Devin Toner, 3 Tadhg Furlong, 2 Seán Cronin, 1 Cian Healy
In panchina: 16 James Tracy, 17 Jack McGrath, 18 Andrew Porter, 19 Ross Molony, 20 Jack Conan, 21 Nick McCarthy, 22 Joey Carbery, 23 Jordan Larmour
Scarlets: 15 Rhys Patchell, 14 Leigh Halfpenny, 13 Scott Williams, 12 Hadleigh Parkes, 11 Steff Evans, 10 Dan Jones, 9 Gareth Davies, 8 John Barclay, 7 James Davies, 6 Aaron Shingler, 5 David Bulbring, 4 Tadhg Beirne, 3 Samson Lee, 2 Ken Owens, 1 Rob Evans
In panchina: 16 Ryan Elias, 17 Dylan Evans, 18 Werner Kruger, 19 Lewis Rawlins, 20 Steve Cummins, 21 Aled Davies, 22 Steff Hughes, 23 Will Boyde
Arbitro: Romain Poite
Marcatori: 6’ cp. Halfpenny, 10’ m. Ryan tr. Sexton, 19’ cp. Sexton, 22’ cp. Halfpenny, 28’ m. Healy tr. Sexton, 34’ cp. Halfpenny, 40’ m. McFadden tr. Sexton, 50’ m. Fardy tr. Sexton, 60’ m. Sexton tr. Sexton, 79′ m. Beirne tr. Halfpenny

Foto – Instagram/europeanrugbychampionscup

2 commenti su “Champions Cup: Leinster schianta gli Scarlets

  1. Si poteva uscire in tanti modi, così fa male. Senza aver lottato degnamente contro un avversario superiore in molti aspetti…
    Oggi giornata negativa su tutti i fronti, senza brio in attacco e senza riuscire ad adeguarsi al metro di Poite, anche lui in giornata negativa

  2. Vittoria netta e senza tante storie, sculacciata in piena regola.

    Dominio netto sui BD e sul gioco in generale, un dominio attenzione non solo fisico ma anche di organizzazione. Abbiamo fatto loro quello che un anno fa in semi di Pro 14 gli Scarlets avevano fatto anoi. Dominanti si negli impatti, ed in fase di possesso siamo stati semrpe avanzanti ma bd chiave, ottimi sempre i supporti in pulizia in fase di possesso, queste due cose han spesso dato la possibilita’ a Gibson Park di giocare la palla veloce e continuare a prendere la difesa Scarleta ancora non del tutto schierta. Sexton da li’ ha potuto orchestrare come sa. Senza la pressione che aveva avuto lo scroso anno ha dettato tempi e gioco come voleva.
    Ottima la fase difensiva, salite ottime nei tempi e nei modi cosi’ come tecnica difensiva di come placcarli per evitare offloads o ricicli veloci. Scarlets chiusi cosi’ che non han saputo trovare la benche’ minima contromossa.
    Mischia ordinata speravo meglio ma a coni fatti peenso sia stata una aprtita alla apri li’, sui linoeuts abbiamo evitato che Beirne ce ne rubasse a iosa ed abbiamo avuto una piattaforma di gioco li’ non eccelsa ma comunque abbastanza solida per far partire il gioco.
    Singoli: Henshaw torna e si fa sentire tantissimo in difesa, ma anche in attacco ha fatto il suo, Nacewa e McFadden di esperienza, in particolare il secondo, non un fenomeno, e magari qualche errore lo fa anche qua e la’ ma nei momenti chiave fa anche giocate chiave.
    Fardy giustissimo MoM, e’ tutta la stagioe che gioca benissimo, detto piu’ volte in questi mesi che fa una montagna di lavoro incredibile e che e’ uno dei migliori acquisti a livello Europeo questa stagione, oggi oltre al solito tanto lavoro di cose meno appariscenti ha fatto anche le cose piu’ apapriscenti ed il premio di migliore in campo era inevitabile.

    Si va a Bilbao aspettando domani l’avversario…il sogno ovviamente e’ trovarsi quellila’ davanti anche se temo molto che nel caso ci farebbero il sederino nero.

Rispondi