San Donà: Ambrosini risponde a Marusso

L’apertura italoaustraliana rimanda al mittente le accuse, spiega il suo punto di vista e minaccia conseguenze.

James Ambrosini non accetta le accuse ricevute dal presidente del San Donà Marusso e sulle pagine de La Nuova Venezia rispedisce al mittente tutto. Con veemenza. “Addossare la colpa di una sconfitta ad un giocatore solo perché ha deciso di andare via a fine stagione non c’entra nulla con i valori del rugby. La decisione di non rinnovare era stata comunicata alla dirigenza molto tempo fa, se volevano fare una valutazione tecnica rispetto a questo avevano tutto il tempo ed il modo per farlo” l’attacco di Ambrosini, attualmente in Australia.

“Io volevo solo giocare, se sudi tutto l’anno per un obiettivo, l’unico pensiero è quello di andare in campo per raggiungerlo assieme ai tuoi compagni. Sono un professionista, ho sempre dato il massimo per il San Donà e questo l’ho detto in faccia al presidente anche nel nostro ultimo incontro: se non avevo più parlato con nessuno della mia scelta era solo per restare concentrato sul campionato. In ogni caso mi attendo che il presidente riveda formalmente la sua posizione entro sabato, quando sarò già in Italia anticipando il mio rientro: se così non fosse, valuterò se e come difendere la mia immagine nelle sedi più opportune” continua il giocatore.

Parole ribadite anche dal procuratore di Ambrosini, Alessandro Corbetta. “Abbiamo incontrato la dirigenza a gennaio, comunicando il desiderio di una nuova esperienza dopo due anni molto intensi a San Donà. Confermo che dopo aver valutato una serie di proposte, l’accordo è stato trovato con le Fiamme Oro sulla base di un progetto convincente, ma questo non ha minimamente influito sul rendimento, come confermato dalle grandi prestazioni contro le stesse Fiamme nella finale del Trofeo Eccellenza o nel primo successo della storia sandonatese contro Calvisano” dice l’avvocato, che conclude “Se l’inopportuno sottinteso del presidente fa riferimento allo scontro diretto perso in casa, invito lui e chiunque altro a rivedere quella partita, in cui gli avversari hanno dominato fisicamente dal primo all’ultimo minuto meritandosi nettamente il risultato”.

Foto – Instagram/james.ambrosini

Un commento su “San Donà: Ambrosini risponde a Marusso

  1. dopo queste dichiarazioni direi che marusso ha pestato un’enorme boassa (anch’io sono dell’idea che se pensiamo che un ragazzo favorisca la propria squadra dell’anno prossimo, siamo alla frutta!)

Rispondi