Pro 14: Treviso a Dublino scrive la storia!

Si è conclusa a Dublino l’avvincente sfida tra gli irlandesi e i biancoverdi.

E’ una battaglia quella di Dublino, dove Treviso fin da subito fa capire che non vuol fare la vittima sacrificale e che è alla ricerca di una vittoria per restare in corsa per l’Europa che conta. E dopo un primo tempo equilibrato, ma dove due mete puniscono i biancoverdi, nella ripresa la Benetton sale in cattedra, rimonta, passa avanti e resiste fino alla fine, fino all’undicesimo successo stagionale, primo della storia a Dublino.

Inizia forte il Leinster che nei primi minuti non lascia spazio a una Benetton Treviso che, però, difende al meglio e non fa passare i dubliners. Fino al 7’, quando da una touche sui 5 metri si stacca Richardt Strauss e schiaccia per il vantaggio irlandese. Dopo la meta, però, è Treviso a prendere coraggio, a salire in cattedra e a spingersi in attacco. Dopo un paio di tentativi andati a vuoto, all’11’, da una touche offensiva i biancoverdi impostano una maul vincente che porta Luca Bigi in meta e Benetton che tallona, letteralmente, i dubliners. Al 16’ grandissima fiammata di Jayden Hayward che semina il panico nella difesa del Leinster, guadagna tanti metri, poi Tebaldi con un calcetto trova una touche sui 5 metri d’attacco. I padroni di casa allontanano il pericolo, ma i biancoverdi restano in zona d’attacco.

Faticano le due squadre a creare azioni pericolose. Al 25’, però, è Treviso a inventarsi una bella giocata al piede, sorprende il Leinster e si riporta nei 22 avversari. Un’indecisione in touche, però, rovina tutto e i padroni di casa possono risalire il campo. E’, comunque, una bella Benetton in questa prima parte del match e i veneti riescono a imporre i loro ritmi, usando in maniera mirata il piede per mettere in difficoltà i dubliners, costretti a difendersi. Al 34’, però, una fiammata riporta il Leinster in attacco e conquista un fallo sui 5 metri. Dalla touche, però, i padroni di casa non riescono a sfondare e Treviso si salva. Insistono gli irlandesi alla ricerca della seconda meta, Benetton si difende anche con diversi falli, ma a tempo scaduto Andrea Bronzini è lento a tentare il placcaggio e Barry Daly schiaccia alla bandierina per il 12-5.

Parte nuovamente forte il Leinster a inizio ripresa con i padroni di casa che vogliono subito allungare e chiudere il discorso. Treviso però respinge i primi affondi dei dubliners e si salva. Al 50’, però, è Treviso a sorprendere i padroni di casa. Un calcetto a scavalcare di Tebaldi viene rubato da Hayward che libera Federico Ruzza che può involarsi in meta, ma Allan manca il calcio del pareggio. Subito dopo, però, un errore al piede dello stesso Hayward riporta il Leinster in zona rossa. Ma un errore di handling libera un ovale su cui si avventa col piede Tommaso Allan. L’apertura calcia due volte la palla portandola per quasi 50 metri fino in area di meta, schiaccia e vantaggio per gli ospiti. Pochi minuti e il Leinster torna sotto minibreak grazie a un piazzato di Carbery per il 15-17.

E’ una bella Benetton e il Leinster soffre e, così, al 62’ un calcio d’allontamento sbagliato da parte di Carbery offre una touche in attacco agli ospiti. Ma quando Treviso è sui 5 metri Tito Tebaldi si mette a fare stamping sul braccio di un irlandese che sta trattenendo l’ovale. Giallo, punizione per il Leinster e occasione sprecata, con la Benetton pure in inferiorità. Nonostante ciò, al 67’, la mischia Benetton obbliga al fallo il Leinster. Treviso cerca la meta del bonus e dell’allungo, sta a lungo sui 5 metri irish, ma un avanti vanifica tutto a 10 minuti dalla fine. Un tenuto di Ioane al 75’ ridà al Leinster la chance di cercare i punti del controsorpasso, ma un’ottima azione di Nasi Manu vanifica tutto e Treviso respira.

LEINSTER – BENETTON TREVISO 15-17

Sabato 14 aprile, ore 20.35 – RDS Arena, Dublino
Leinster: 15 Jordan Larmour, 14 Fergus McFadden, 13 Rory O’Loughlin, 12 Noel Reid, 11 Barry Daly, 10 Joey Carbery, 9 Jamison Gibson-Park, 8 Max Deegan, 7 Seán O’Brien, 6 Jordi Murphy, 5 Ian Nagle, 4 Ross Molony, 3 Andrew Porter, 2 Richardt Strauss, 1 Jack McGrath
In panchina: 16 James Tracy, 17 Ed Byrne, 18 Michael Bent, 19 Mick Kearney, 20 Peadar Timmins, 21 Nick McCarthy, 22 Ross Byrne, 23 Adam Byrne
Benetton: 15 Jayden Hayward, 14 Andrea Bronzini, 13 Tommaso Iannone, 12 Alberto Sgarbi, 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan, 9 Tito Tebaldi, 8 Nasi Manu, 7 Sebastian Negri, 6 Federico Ruzza, 5 Alessandro Zanni, 4 Marco Lazzaroni, 3 Simone Ferrari, 2 Luca Bigi, 1 Federico Zani
In panchina: 16 Engjel Makelara, 17 Cherif Traore, 18 Tiziano Pasquali, 19 Irné Herbst, 20 Marco Fuser, 21 Dean Budd, 22 Ian McKinley, 23 Tommaso Benvenuti
Arbitro: Ben Whitehouse
Marcatori: 7’ m. Strauss tr. Carbery, 11’ m. Bigi, 40’ m. Daly, 50’ m. Ruzza, 54’ m. Allan tr. Allan, 58’ cp. Carbery
Cartellini gialli: 64’ Tebaldi

9 commenti su “Pro 14: Treviso a Dublino scrive la storia!

  1. Vittoria ottenuta con sudore, dedizione e concentrazione. La *** di Tebaldi poteva costare carissimo, ma è andata bene. Andare in Champions sarebbe un obiettivo concreto e meritato, viste le premesse.

  2. Vittoria ottenuta con sudore , dedizione e concentrazione come qualsiasi squadra che voglia ottenere ciò, ma anche da un sostanziale miglioramento del gioco , e della tenuta atletica e mentale supportate da miglioramento delle skills su cui si sta lavorando duramente da giugno 2016 .

  3. I primi 55 minuti sono forse i migliori di Treviso della stagione (forse Champions con Tolone escluso), con un primo tempo che meritava forse qualcosa in più.
    Comunque me ne devo ancora rendere conto

  4. Peccato per qualche partita persa (vedi Connact) malamente sennò a quest’ora l’obiettuvo dei play-off sarebbe stato davvero a portata di mano .Comunque molto molto bene, dopo la quasi brutta figura coi Dragon una bella impresa dei Leoni!

  5. Non vista e pesantemente in hangover…la vedro’ un giorno forse…beava Treviso comunque lo devo dire.
    Noi come scarlets con la testa alla prossima settimana mi sa

Rispondi