Italseven: i primi convocati in vista delle GPS

Aspettando il termine del campionato, Andy Vilk ha annunciato i primi azzurri per il raduno di settimana prossima.

Andy Vilk, responsabile tecnico della Nazionale Italiana Seven Maschile, ha ufficializzato la lista dei giocatori che prenderanno parte al raduno di Roma, in calendario da martedì 17 a venerdì 20 aprile. Nella giornata di lunedì, dopo la chiusura dell’ultima giornata del campionato italiano di Eccellenza, nella rosa degli azzurri entreranno a far parte altri giocatori impegnati nel prossimo weekend. Nelle giornate di giovedì 19 e venerdì 20 per l’Italia, che prosegue la sua marcia di avvicinamento verso l’attività internazionale, è in programma uno stage con la Nazionale di Israele.

L’Italseven si sta preparando in vista delle Grand Prix Series che inizieranno tra poco più di un mese. Nel weekend del 20 maggio si giocherà a Mosca, mentre la seconda e terza tappa – a Marcoussis ed Exeter – saranno il 30 giugno e il 7 luglio. Il torneo continentale si chiuderà, poi, a Lodz, in Polonia, l’8 e 9 settembre. Per l’Italia di Vilk sarà fondamentale migliorare la decima posizione di un anno fa, cercando di centrare il pass per le qualificazioni alle World Series a Hong Kong nel 2019. Risultato non facile da ottenere, sicuramente, ma ‘obbligato’ se si vuole realmente parlare di un programma di crescita dell’Italseven in questi anni.

ITALSEVEN – convocati

Nicolò ALBANO (Rugby Parabiago)
Gianmarco AMADASI (Rugby Viadana 1970)
Diego ANTL (S.S. Lazio Rugby 1927)
Francesco BONAVOLONTA’ (S.S. Lazio Rugby 1927)
Alberto COSTELLA (Conad Reggio)
Lorenzo CROTTI (Rugby Perugia)
Mattia D’ANNA (Mogliano Rugby)
Daniele DI GIULIO (S.S. Lazio Rugby 1927)
Davide GALLIMBERTI (Mogliano Rugby)
Alessio Gianluca GUARDIANO (S.S. Lazio Rugby 1927)
Richard PALETTA (Conad Reggio)
Pietro RIGUTTI (Rugby Udine Union FVG)

Un commento su “Italseven: i primi convocati in vista delle GPS

  1. Diversi giocatori di Serie A. Che poi, se le società di Eccellenza non vogliono, si potrebbe pensare di fare un qualcosa a 7 a livello di Serie A. Sarebbe sempre meglio di quanto abbiamo adesso.
    E posto che ci sono una serie di giocatori in Eccellenza (uno su tutti, Rossi) che a 7 possono dare quel qualcosa in più (infatti mi aspetto anche la sua convocazione).

Rispondi