Pro 14: Treviso, 10 (senza lode) con i Dragons

Si è conclusa a Monigo la sfida tra la Benetton e il XV di Newport. Ulster resta a un punto.

Parte al meglio la Benetton Treviso, che subito impone i suoi ritmi dopo due minuti di gioco va oltre con Federico Ruzza. Newport che prova a reagire, costruisce un lungo periodo di dominio del possesso e al 9’ accorcia dalla piazzola con Robson. Sono sempre i Dragons a fare la partita dopo la fiammata iniziale dei biancoverdi, con Treviso un po’ troppo fallosa. Così al 16’ è nuovamente Robson a marcare tre punti dalla piazzola, con la Benetton che resta a solo +1. Torna ad attaccare la Benetton, costruisce una serie di belle azioni, ma alla fine Benvenuti fa avanti a un metro dalla linea di meta e nulla di fatto.

Treviso che, però, resta sui cinque metri, obbliga i Dragons a diversi falli in mischia chiusa, ma quando i biancoverdi vanno in touche si fanno rubare palla e sprecano tutto. Non sprecano poco dopo, quando rubano loro una touche, attaccano con forza e quando la palla arriva a Monty Ioane l’ala australiana salta l’avversario e schiaccia comodamente in meta. E al 28’ è Luca Sperandio a fare il break al largo dopo un lungo ping pong al piede. L’ala scatta seguita da Tommaso Allan che riceve l’ovale e schiaccia senza problemi in meta. Treviso che perde poco dopo la mezzora Tomas Baravalle per infortunio, mentre i Dragons provano a rientrare in partita. Ma Treviso difende bene, strappa l’ovale e obbliga ancora una volta Newport al fallo e può risalire il campo. E dopo uno sfondamento del neoentrato Faiva la palla arriva a Simone Ferrari che va oltre la linea di meta, ma per il TMO la meta non è chiara e nulla di fatto. Mischia sui 5 metri, fallo gallese, Tebaldi parte a sorpresa e bonus conquistato quando si va negli spogliatoi.

E a inizio ripresa sembra chiudere il discorso la Benetton, che dopo diverse fiammate arriva lo sfondamento finale di Faiva, ma c’è un’infrazione nella maul e nulla di fatto. Così, invece, è Cory Hill che va oltre in maniera quasi fortuita al 51’ e match che rischia di riaprirsi per la Benetton. E al 62’ arriva la seconda meta dei Dragons, che entrano troppo facilmente fino in fondo con Jared Rosser e ospiti che tornano sotto break a -6. Treviso che adesso soffre, che lascia il pallino in mano a Newport, che ora crede nella rimonta. E la rimonta arriva al 66’, quando l’ennesimo buco difensivo di Treviso fa penetrare Connor Edwards fino in fondo e Newport che passa in vantaggio. Ora è la Benetton che deve rincorrere con pochi minuti a disposizione. Ed è una fiammata di Faiva a riportare i padroni di casa a pochi metri dalla linea di meta, ma il passaggio finale non viene tenuto da Benvenuti che spreca ancora. Dalla mischia seguente, però, Tebaldi obbliga all’avanti e Treviso può provarci di nuovo. Ma ancora una volta la Benetton sbaglia, fa avanti e butta via la chance per riportarsi avanti. Sulla ennesima mischia l’arbitro fischia fallo contro i Dragons e a tempo scaduto Tebaldi va sulla piazzola e segna i punti della vittoria.

BENETTON TREVISO – NEWPORT DRAGONS 29-27

Sabato 7 aprile, ore 18.00 – Stadio Monigo, Treviso
Benetton: 15 Jayden Hayward, 14 Luca Sperandio, 13 Tommaso Benvenuti, 12 Alberto Sgarbi, 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan, 9 Tito Tebaldi, 8 Nasi Manu, 7 Abraham Steyn, 6 Marco Barbini, 5 Marco Lazzaroni, 4 Federico Ruzza, 3 Simone Ferrari, 2 Tomas Baravalle, 1 Federico Zani
In panchina: 16 Hame Faiva, 17 Cherif Traore, 18 Tiziano Pasquali, 19 Alessandro Zanni, 20 Sebastian Negri, 21 Juan Ignacio Brex, 22 Tommaso Iannone, 23 Marty Banks
Newport: 15 Zane Kirchner, 14 Ashton Hewitt, 13 Sam Beard, 12 Connor Edwards, 11 Jared Rosser, 10 Arwel Robson, 9 Owain Leonard, 8 Lewis Evans, 7 Aaron Wainwright, 6 Harrison Keddie, 5 Rynard Landman, 4 Cory Hill, 3 Lloyd Fairbrother, 2 Elliot Dee, 1 Gerard Ellis
In panchina: 16 Liam Belcher, 17 Luke Garrett, 18 Dan Suter, 19 Joe Davies, 20 Taine Basham, 21 Charlie Davies, 22 Adam Warren, 23 Rio Dyer
Arbitro: Andrew Brace
Marcatori: 2’ m. Ruzza tr. Allan, 9’ cp. Robson, 16’ cp. Robson, 24’ m. Ioane, 28’ m. Allan tr. Allan, 40’ m. Tebaldi tr. Allan, 51’m. Hill tr. Robson, 62’ m. Rosser tr. Robson, 67’ m. Edwards tr. Robson, 80′ cp. Tebaldi

Foto – Instagram/benettonrugby

6 commenti su “Pro 14: Treviso, 10 (senza lode) con i Dragons

  1. Probabilmente si dirà che si è troppo severi nonostante si sia vinto, ma davvero qui ha ragione Munari e ad una certa serve un bel calcio ben assestato per far capire che le vacanze sono tra 2 mesi.
    Vinto si è vinto, per quello che era il valore delle squadre era non dico alla portata, di più (dire “d’obbligo” mi piace poco), ma sta figura da chiodi la si poteva evitare alla grande.

  2. Secondo tempo di Treviso inverecondo. Paradossalmente, più concentrati e ordinati i giovani Dragons, pur nei loro evidenti limiti. Non si può pensare in grande se si vincono partite del genere oltre l’80°.
    Worst of the Match: la testata tra Faiva e Traoré. Robe da matti.

    1. E’ che con l’infortunio di Baravalle Faiva serve, se no quei due si farebbero (fosse per me) il resto della stagione a portare le borracce. Che poi va a capire che cavolo è successo, ma robe del genere sono da lasciar fuori di qua.

Rispondi