Champions Cup: le formazioni di oggi

Si disputano le sfide finali di Coppa Europa: Clermont-Racing 92 e Leinster-Saracens.

Si chiude oggi il weekend di rugby europeo con due supersfide che assegneranno gli ultimi due posti per le semifinali di Champions Cup. Si parte da Clermont, dove va in scena il derby francese tra il XV di casa e i parigini del Racing 92, con il Clermont che in questa stagione punta tutto sull’Europa, mentre il Racing è in piena corsa anche per il Top 14.

A seguire ci si sposta a Dublino, dove il Leinster cercherà di fermare la corsa al tris continentale degli inglesi Saracens. In campo due formazioni in grande spolvero anche in campionato e che promettono una sfida d’altissimo livello, con i dubliners che punteranno sul vantaggio casalingo per portare a casa le semifinali europee.

CLERMONT – RACING 92

Domenica 1 aprile, ore 14.00 – Stade Marcel-Michelin, Clermont-Ferrand
Clermont: 15 Nick Abendanon, 14 Peter Betham, 13 Damian Penaud, 12 Rémi Lamerat, 11 Remi Grosso, 10 Pato Fernandez, 9 Morgan Parra, 8 Fritz Lee, 7 Alexandre Lapandry, 6 Peceli Yato, 5 Sébastien Vahaamahina, 4 Arthur Iturria, 3 Rabah Slimani, 2 Benjamin Kayser, 1 Etienne Falgoux
In panchina: 16 John Ulugia, 17 Loni Uhila, 18 Davit Zirakashvili, 19 Sitaleki Timani, 20 Damien Chouly, 21 Greig Laidlaw, 22 Camille Lopez, 23 Wesley Fofana
Racing 92: 15 Louis Dupichot, 14 Teddy Thomas, 13 Virimi Vakatawa, 12 Henry Chavancy, 11 Marc Andreu, 10 Pat Lambie, 9 Maxime Machenaud, 8 Yannick Nyanga, 7 Bernard le Roux, 6 Wenceslas Lauret, 5 Leone Nakarawa, 4 Donnacha Ryan, 3 Ben Tameifuna, 2 Camille Chat, 1 Eddy Ben Arous
In panchina: 16 Ole Avei, 17 Vasil Kakovin, 18 Cedate Gomes Sa, 19 Boris Palu, 20 Baptiste Chouzenoux, 21 Dan Carter, 22 Xavier Chauveau, 23 Joe Rokocoko
Arbitro: Wayne Barnes

LEINSTER – SARACENS

Domenica 1 aprile, ore 16.30 – Aviva Stadium, Dublino
Leinster: 15 Rob Kearney, 14 Fergus McFadden, 13 Garry Ringrose, 12 Isa Nacewa, 11 James Lowe, 10 Johnny Sexton, 9 Luke McGrath, 8 Jordi Murphy, 7 Dan Leavy, 6 Scott Fardy, 5 James Ryan, 4 Devin Toner, 3 Tadhg Furlong, 2 Seán Cronin, 1 Cian Healy
In panchina: 16 James Tracy, 17 Jack McGrath, 18 Andrew Porter, 19 Rhys Ruddock, 20 Max Deegan, 21 Nick McCarthy, 22 Joey Carbery, 23 Rory O’Loughlin
Saracens: 15 Alex Goode, 14 Liam Williams, 13 Marcelo Bosch, 12 Brad Barritt, 11 Sean Maitland, 10 Owen Farrell, 9 Richard Wigglesworth, 8 Jackson Wray, 7 Schalk Burger, 6 Nick Isiekwe, 5 George Kruis, 4 Maro Itoje, 3 Juan Figallo, 2 Jamie George, 1 Mako Vunipola
In panchina: 16 Schalk Brits, 17 Richard Barrington, 18 Titi Lamositele, 19 Dominic Day, 20 Blair Cowan, 21 Ben Spencer, 22 Alex Lozowski, 23 Chris Wyles
Arbitro: Jérôme Garcès

Foto – Instagram/leinsterrugby

4 commenti su “Champions Cup: le formazioni di oggi

  1. Sfida bellissima e difficilissima. Certo che dominare la fase a gironi qualificandosi come migliore prima e poi pescare i Saracens e’ una gran bella botta di culo 🙂

    Sfida tra i pack che secondo me sara’ chiave, tenendo presente anche delle condizioni meteo non eccelse. Due prime linee fortissime dove forse pero’ noi abbiamo qualcosa in piu’ in termini di profondita’ sugli 80 minuti. In termini di mischia ordinata poche squadre al mondo hanno Itoje-Kruis in seconda a spingere, importantissimo sara’ vedere come andra’ Toner oggi al riguardo. La sfida in seconda Itoje-Ryan poi e’ una cosa in generale da leccarsi i baffi, questi due potrebbero tranquillamente essere la coppia di seconde al prossimo tour dei Lions. Itoje e’ ovviamente piu’ esperto a questi livelli ma Ryan ha dimostrato che sta crescendo velocemente e bruciando le tappe.In terza con VdF rotto, SOB non recuperato, Conan infortunato e Ruddock al rientro non c’erano nolte alternative se non scalare Fardy a 6 e mettere Jordi ad 8. Fardy per me sta facendo una stagione da seconda linea incredibile, e manchera’ negli equilibri della squadra avere una seconda con le sue caratteristiche da terza, in particolare su BD e ruck. Per Murphy partita da 8 difficilissima, per me il ruolo in cui si esmprime meno bene ma Ruddock non ha 80 minuti e Deegan come titolare forse era un rischio di troppo. In panca portiamo deut erze, chiaro il disegno di riportare Fardy in seconda nel giro di cambi se tutto va bene, anche se Ruddock potrebbe alla bisogna coprire il ruolo di seconda.
    La sfida in mediana Farrell-Sexton e’ quella su cui sar puntati molti occhi. L’abilita’ di muovere la palla e mettere in moto i 3/4 e la qualita’ e precisione del gioco tattico tra questi due campioni sara’ interessantisisma. Ovviamente la sfida sui BD e qualita’ dei palloni quindi che i MM potranno servire ai due 10 influira’ molto, sperando che McGrath abbia una delle sue giornate buone e non una in cui lancia stracci incredibili. Dietro l’assenza di HEnshaw pesa, NAcewa a primo centro nel Pro 14 ha fatto il suo ma qua siamo ad altro livello, e Barritt fisicamente ggli da una decina di kg. Isa deve trovare il modo di arginare la superiorita’ fisica di Barritt, se ci riesce in fase di possesso potrebbe metterlo lui in difficolta’ con la sua maggior velocita’ e tecnica. In difesa diventa poi oggi piu’ importante che mai vedere un Lowe preciso, non puo’ sbagliare i drift come fa di solito con un cliente come Liam Williams davanti, se no saran dolori. Dall’altra parte pero’ Lowe puo’ fare i suoi soliti danni alla difesa avversaria, potenza, la capacita’ una volta placcato se non tenuto giu’ di mollare il pallone rialzarsi e ripartire sono incredibili ed ha anche sfoderato un bel piede tattico nelle ultime settimane. Dall’altra parte McFadden dovra’ argionare la potenza di MAitland, lavoro non facile. Infine la speranza e’ di avere un Rob Kearney in formato Six Nations, se oggi gioca come ha fatto con l’Irlanda allora li’ abbiamo un punto di froza importante, specialmente sui palloni alti dove mi aspetto che si puntera’ molto. In termini di panchine, tolta la prima linea che ho detto, c’e’ parecchio impatto per entrambe, per Deegan importante continuare a dimostrare oggi la crescita mostrata in Pro 14, Carbery ed O’Loughlinn potrebbero protare un po’ di vivacita’ in attacco nel finale se impiegati, mentre per loro Brits, Cowan e Wiles sono quelli da tenre d’occhio insieme ad un Lozowski recuperato in extremis.

    Come detto all’inizio, pescare i Saracens dopo la fase a gruppi vinta non e’ una gran fortuna, e penso che sara’ una aprtita durissima…purtroppo ho brutti presentimenti.

Rispondi