Mondiali 2019: Rugby Europe tentenna sperando in World Rugby

Il board di Rugby Europe ha posticipato la riunione di ieri per decidere di Belgio-Spagna.

Era fissata per ieri la riunione che avrebbe dovuto decidere il destino di Belgio-Spagna, il match della discordia e delle polemiche e che ha qualificato la Romania ai Mondiali di Giappone 2019. Omologare il risultato e condannare la Spagna agli spareggi, o ripetere il match per gli errori incredibili dell’arbitro? Nulla, per ora, perché con un comunicato molto scarno Rugby Europe ha rimandato a data da destinarsi l’incontro.

“In attesa di ulteriori informazioni” dice il comunicato, ma forse Rugby Europe – al centro di fortissime polemiche e sotto accusa per la leggerezza con cui ha affrontato la gestione delle qualificazioni mondiali – sta solo aspettando che World Rugby le tolga le castagne dal fuoco. Perché, come scrivevamo giorni fa, c’è anche la questione dell’eleggibilità di un giocatore romeno in ballo, oltre a una presa di posizione sull’arbitraggio di Belgio-Spagna da parte di WR. E se nelle prossime ore dovessero arrivare decisioni drastiche da parte del governo del rugby mondiale, allora forse la querelle Belgio-Spagna potrebbe passare in secondo piano e Rugby Europe potrebbe evitare di dover prendere una decisione.

Anche perché, visto che è stata Rugby Europe a designare l’arbitro romeno per Belgio-Spagna, far ripetere l’incontro significherebbe sbugiardare se stessa e, quel che è peggio, farlo avendo il presidente di Rugby Europe che è romeno anch’egli. Insomma, un pasticcio sportivo e politico che sta minando seriamente la credibilità di Rugby Europe (che, va detto, da tempo non spicca per qualità e capacità organizzative e mediatiche, dalla triste Continental Shield all’ignorate Grand Prix Series di rugby 7s) e il governo europeo spera di potersi togliere d’impaccio senza ulteriori figuracce.

12 commenti su “Mondiali 2019: Rugby Europe tentenna sperando in World Rugby

  1. Ripetere l’incontro sarebbe un precedente decisamente pericoloso, oltre che davvero una botta all’immagine e credibilità di Rugby Europe (e se vogliamo anche del rugby). L’arbitro ha fatto errori marchiani, stupidi (ma come puoi provare la mala fede?), gli si proibisca di arbitrare di nuovo (a Mitrea per molto meno non gli fanno fare manco il guardalinee nel 6N o TM) e stop. Poi spiace per gli Spagnoli per quella che potrebbe essere un’ingiustizia (chiedano a Treviso o Zebre come ci si sente, si sopravvive), che comunque devono prendersi le loro (grosse) responsabilità per la “caccia all’uomo” post partita, per cui spero provvedimenti (esemplari, questi si) verranno presi (sempre a proposito della credibilità del nostro sport, ma dello sport tutto).
    Poi tanto se la Romania davvero ha combinato altri casini con equiparati e simili, la situazione si rimette a posto da sola.

    1. Probabilmente nessuna delle due,nè Romania,nè Spagna,andrà al mondiale,ma gli spagnoli devono solo incolpare loro stessi e il loro atteggiamento anti sportivo

  2. Ripetere la aprtita per l’arbitraggio e’ uan cosa sbagliata e pericolosissima, primo perche’ apre a possibili ricorsi in ogni aprtita, secondo perche’ finirebbe per premiare gli spagnoli e la loro reazione incivile…la squalifica a chi coinvolto in quella caccia all’uomo deve non solo avvenire ma anche essere estremamente pesante, non ci sono alternative per WR e Rugby Europe.

    Va analizzata separatamente la questione del giocatore e della sua eleggibilita’…se non era eleggibile, pero’ non sono sicuro si possa agire sui risultati ottenuti sul campo, temo che sia una questione di semplice multa

    1. Stefo, però pochi giorni fa si è agito sul risultato per il match Tahiti-Isole Cook. Se qui arriva solo una multa, poi Tahiti fa ricorso chiedendo una multa e basta. Ripeto… per me Rugby Europe sta aspettando la squalifica della Romania da parte di WR per poter solo far fuori l’arbitro romeno, dare un po’ di squalifiche agli spagnoli (comunque ai mondiali e con squalifiche non superiori a qualche mese, lasciandoli liberi di parteciparvi) e avere la Spagna ai Mondiali senza creare un precedente pericoloso.

      1. le squalifiche agli spagnoli, almeno quelli che si sono resi protagonisti degli episodi di inseguimento dell’arbitro, devono essere esemplari, il mondiale devono guardarlo in streaming, sul cellulare e con il segnale che s’impalla nel culmine dell’azione, lasciando però l’audio che descriva azioni memorabili, salvo riprendere l’immagine, di nuovo impallata su un’introduzione in mischia…

        1. nonchè dei seri problemi di squaragnaus che li colpisca durante le azioni decisive, sicchè debbano scegliere se andare al bagno, ove notoriamente il uaifai non prende, e scagazzarsi ignomignamente addosso, facendosi bersaglio del pubblico dileggio!

      2. Onestamente Duccio mi ero dimenticato di Tahiti v Cook…allora si devono agire sul risultato.

        Sulle squalifiche agli spagnoli: per me sotto i 18 mesi e’ scandaloso ed un precedente ben piu’ pericoloso, e secondo me WR potrebbe spingere per una squalifica per dare un esempio forte…o almeno ci spero.

        1. supponiamo che facciano gli splendidi ed usino lo stesso metro della fir con san donà, partita persa se schierato nei 23, e punti di penalizzazione, sarebbero volatili per diabetici di ragguardevoli dimensioni, tra l’altro, pare che anche gli spagnoli abbiano un paio di ragazzi a rischio, soprattutto uno

  3. questi non sanno che pesci pigliare, qualsiasi decisione provocherebbe critiche a non finire, staranno accendendo un cero alla madonna che siano stati schierati ineleggibili in qualsiasi squadra, così si eliminano da sole.
    per me le uniche cose da fare sono
    1- elimini l’arbitro dal panel internazionale, la fed romena deciderà sulla sua carriera domestica (anche i guardialinee non mi sono sembrati delle volpi, in realtà);
    2- squalifichi, praticamente, tutta la spagna per la bella scenetta di fine partita, per un annetto, dirigenti compresi;
    3- controlli le naturalizzazioni e squalifichi dal torneo chi ha sbagliato (comunque come per l’affare italico di san donà dell’anno scorso, possibile che non ci sia un database che ti dica la situazione di uno o dell’altro);
    4- omologazione dei risultati del campo a scanso di squalifiche

  4. Fosse per me fuori tutte e due: una per il tesserato farlocco e l’altra per responsabilità oggettiva, (e pugno di ferro per i suoi tesserati). Quanto all’arbitro, un’inchiesta (piaccia o meno) per me è indispensabile dopo che un nugolo di tesserati (giocatori e dirigenti) hanno espresso accuse molto precise. E alla fine conseguenze pesantissime in ogni caso: per chi ha calunniato o per chi ha truffato. In tutti e due i casi, non sarebbe gente da tenere in giro per casa. Ripetizione della partita: mai e poi mai. A meno di mettere direttamente le tarme sotto il tappeto anziché la solita polvere.

    1. ok, mal, ma la partita è andata come è andata, o ci sono gli estremi per ribaltarla a tavolino o peccato!
      poi che ci siano le pene peggiori per tutti, ma la partita è andata, punto e a capo!

Rispondi