Pro 14: Treviso espugna Port Elizabeth

Fiera di mete nella sfida tra la Benetton e i Southern Kings. Alla fine, però, si impongono i veneti di misura.

Rischia grosso la Benetton Treviso che contro i Kings non riesce mai a chiudere il discorso, permette ai padroni di casa di rientrare più volte in un match che regala un’enormità di mete e dove sono gli attacchi a risultare decisivi. Alla fine, però, la Benetton si salva e torna a correre in classifica.

PRIMO TEMPO

Inizia alla grande la Benetton Treviso (con Lazzaroni al posto di Barbini fermato dall’influenza, ndr.), che nei primi minuti obbliga più volte i Southern Kings al fallo, risale il campo con i calci di Banks e dopo tre minuti, da una touche nei 22, con la maul avanzante sfonda e va in meta con il pilone Baravalle, con Banks che poi manca la trasformazione. Prova a reagire la squadra sudafricana, ma la difesa veneta difende e quando Hayward prende palla si lancia in un incredibile slalom, lasciando sul posto diversi avversari, poi tra offload e passaggi la palla arriva a Lazzaroni che al 6’ segna subito la seconda meta. Reagiscono i Kings, complici anche un paio di indecisioni difensive, e al 10’ arriva la terza meta del match, questa volta marcata da Vulindlu. Treviso cerca di imporre il suo ritmo, ha un paio di begli spunti con Ioane e Ruzza, ma non riesce a concretizzare. Quando accelerano i trequarti sudafricani, però, mettono sempre in difficoltà i biancoverdi e al 18’ match ribaltato con Godlen Masimla che schiaccia senza difficoltà tra i pali.

Al 22’, però, nuova fiammata di Treviso, che sfrutta l’ennesimo buco di Hayward, poi subisce fallo, va in touche e dalla ripartenza è Marty Banks a schiacciare al largo. Insistono gli ospiti, spingono sull’acceleratore, conquistano una mischia sui 5 metri, costringono all’ennesimo fallo i Southern Kings, nuova mischia e da qui parte un’azione che, con classe e fortuna, porta l’ovale al largo a Tommaso Iannone che marca la meta del bonus al 29’. Al 34’ i Kings perdono anche l’apertura Coleman per infortunio e che deve uscire in barella. Nonostante ciò sono i padroni di casa a riportarsi vicino all’area di meta, a conquistare una touche sui 5 metri e dalla seguente maul arriva l’ennesima meta del match che riapre nuovamente i giochi. Primo tempo che, così, si chiude con sette mete all’attivo e Benetton avanti 26-21.

SECONDO TEMPO

Ritmi alti anche a inizio tempo, con Treviso che vuole riallungare e Kings che cercano il nuovo controsorpasso. Ed è la Benetton la prima a rendersi pericolosa, con un nuovo fallo dei padroni di casa, poi il continuo pick & roll vicino alla linea di meta ed è Braam Steyn che al 50’ ha l’allungo vincente e Treviso che torna oltre break a +12. Kings che non mollano, tornano a spingere, a insistere a pochi metri dalla linea dei veneti. Al 57’ si scatena un tafferuglio e l’arbitro dà punizione per i Kings. Touche, maul e meta tecnica per i Kings, con cartellino giallo a Ruzza.

Al 65’ l’ennesimo fallo dei Kings permette a Marty Banks una comoda punizione centrale e la Benetton può tornare oltre break. Soffre Treviso con un uomo in meno in mischia, ma difende bene, con ordine, e i Kings non trovano più gli spazi del primo tempo. E’, però, il pack a soffrire ancora e al 72’ i Kings hanno una nuova occasione con una touche sui 5 metri. E ancora una volta arriva la meta, la decima della partita, e Kings che riaprono nuovamente i giochi portandosi a -1. Al 76’ Treviso vuole chiudere il match, si porta in avanti, ma Ioane viene fermato con un netto placcaggio al collo da parte di Tango Balekile che viene ammonito e sudafricani che chiudono in inferiorità. Treviso spreca la palla per chiuderla, deve soffrire fino all’ultimo con un solo punto da difendere. Ma resiste e alla fine conquista cinque punti d’oro.

SOUTHERN KINGS – BENETTON TREVISO 35-36

Sabato 24 marzo, ore 14.00 – Nelson Mandela Bay Stadium, Port Elizabeth
Kings: 15 Masixole Banda, 14 Michael Makase, 13 Berton Klaasen, 12 Luzuko Vulindlu, 11 Alshaun Bock, 10 Kurt Coleman, 9 Godlen Masimla, 8 Ruaan Lerm, 7 Martinus Burger, 6 Andisa Ntsila, 5 Bobby De Wee, 4 Stephan Greeff, 3 Pieter Scholtz, 2 Stephan Coetzee, 1 Schalk Ferreira
In panchina: 16 Tango Balekile, 17 Johan Smith, 18 Luvuyo Pupuma, 19 Lubabalo Mtyanda, 20 Lusanda Badiyana, 21 Rowan Gouws, 22 Martin Du Toit, 23 Jacques Nel
Benetton: 15 Jayden Hayward, 14 Luca Sperandio, 13 Tommaso Iannone, 12 Alberto Sgarbi, 11 Monty Ioane, 10 Marty Banks, 9 Tito Tebaldi, 8 Robert Barbieri, 7 Abraham Steyn, 6 Marco Lazzaroni, 5 Irné Herbst, 4 Federico Ruzza, 3 Matteo Zanusso, 2 Tomas Baravalle, 1 Federico Zani
In panchina: 16 Hame Faiva, 17 Nicola Quaglio, 18 Tiziano Pasquali, 19 Nasi Manu, 20 Francesco Minto, 21 Ignacio Brex, 22 Michael Tagicakibau, 23 Andrea Bronzini
Arbitro: Quinton Immelman
Marcatori: 3’ m. Baravalle, 6’ m. Lazzaroni tr. Banks, 10’ m. Vulindlu tr. Coleman, 18’ m. Maslima tr. Coleman, 22’ m. Banks tr. Banks, 29’ m. Iannone tr. Banks, 38’ m. Lerm tr. Banda, 50’ m. Steyn tr. Banks, 59’ m.t. Kings, 65’ cp. Banks, 72’ m. Klaasen tr. Banda
Cartellini gialli: 59’ Ruzza, 76’ Balekile

2 commenti su “Pro 14: Treviso espugna Port Elizabeth

Rispondi