Italdonne: Giada Franco, è nata una stella?

La terza linea azzurra è stata scelta all’unanimità nella squadra ideale del 6 Nazioni femminile.

Lo avevamo detto alla vigilia del Torneo: l’Italdonne 2018 era, ed è, una squadra che sta attraversando un importante momento di ristrutturazione, con molte veterane che dopo i Mondiali d’Irlanda hanno detto addio. Tante, dunque, le giovani che si sono affacciate alla maglia azzurra e che si sono presentate a questo 6 Nazioni con poca esperienza internazionale.

Tra loro c’era Giada Franco, flanker classe ’96, nessun cap all’attivo prima di febbraio. 171 centimetri per 82 kg (dati Fir), giocatrice del Colorno, in pochi avevano avuto modo di apprezzare le qualità rugbistiche di questa terza linea. E in un primo momento Giada non era tra le titolari per il Torneo e solo l’infortunio subito da Valeria Fedrighi contro l’Inghilterra all’esordio l’ha portata nelle 23 di giornata per la trasferta irlandese. E la ragazza salernitana (con mamma brasiliana) non si è fatta trovare impreparata di fronte all’occasione.

In panchina in Irlanda, si trova la maglia numero 8 in Corsica contro la Francia, viene spostata a flanker nella storica vittoria di Cardiff e confermata nel bis contro la Scozia a Padova. Quattro prestazioni che non sono passate inosservate e non solo in Italia. Prima il The Times e poi Scrum Queens, il più importante sito mondiale dedicato al rugby femminile, hanno inserito Giada Franco nel XV ideale del Torneo.

“Quando giocatori del calibro di Sioned Harries, Alisha Butchers, Jade Konkel, Paula Fitzpatrick e Sarah Hunter non vengono incluse, ciò dice molto sullo standard delle terze linee in questa stagione. Franco è stato una rivelazione per l’Italia ed era fin troppo brava per lasciarla fuori – l’Italia potrebbe davvero costruire il loro pack intorno a lei nei prossimi anni” scrive appunto Scrum Queen. Ed è vero: l’Italia femminile del futuro riparte con fiducia e tra le giovani su cui può puntare Andrea Di Giandomenico sicuramente c’è lei, Giada.

Foto – Stefano Delfrate

3 commenti su “Italdonne: Giada Franco, è nata una stella?

Rispondi