6 Nazioni: Scozia, il XV per il Galles

Problemi in prima linea per Gregor Townsend che ha annunciato la formazione per il match di sabato.

Erano in tour quest’estate, ma l’ultimo 6 Nazioni che hanno disputato risale al 2015. Insomma, non certo le prime scelte per Gregor Townsend. Parliamo di Gordon Reid e Jon Welsh, i piloni scelti gioco forza dal tecnico scozzese dopo i tanti infortuni che hanno colpito la prima linea scozzese.

Torna, invece, Stuart Hogg dopo che per infortunio ha dovuto saltare i test match autunnali e uno dei due cambi nella trequarti rispetto all’ultima uscita della Scozia, con l’altro che è Chris Harris a centro. Novità, rispetto al XV che ha battuto l’Australia, anche Ben Toolis e Cornell du Preez in seconda e terza linea. Ecco, dunque, la squadra che sfiderà sabato pomeriggio il Galles al Principality Stadium di Cardiff.

SCOZIA

15 Stuart Hogg, 14 Tommy Seymour, 13 Chris Harris, 12 Huw Jones, 11 Byron McGuigan, 10 Finn Russell, 9 Ali Price, 8 Cornell du Preez, 7 Hamish Watson, 6 John Barclay, 5 Jonny Gray, 4 Ben Toolis, 3 Jon Welsh, 2 Stuart McInally, 1 Gordon Reid
In panchina: 16 Scott Lawson, 17 Jamie Bhatti, 18 Murray McCallum, 19 Grant Gilchrist, 20 Ryan Wilson, 21 Greig Laidlaw, 22 Pete Horne, 23 Sean Maitland

Foto – Instagram/scotlandteam

3 commenti su “6 Nazioni: Scozia, il XV per il Galles

  1. Dal 9 in su sono altamente competitivi, con ricambi all’altezza cnhe in panca, Russell poi con Price ha trovato un mediano di mischia che gli detta un po’ piu’ i ritimi sul quando si deve rallentare un po’ e quando invece si puo’ andare su di giri. Terza linea anche molto competitiva, e stesso dicasi della seconda dove nonostante l’eaasenza di R. Gray con Toolis e Gilchrist c’e gente che fa legna. Il problema e’ la’ davanti, una prima linea sia in campo che in panca per me non all’altezza dei gallesi, e non parlo solo di mischia ordinata ma di lavoro in campo a tutto tondo.
    Se il Galles cerhera’ di fare il gioco che i Lions di Gatland han fatto con gli aBs ne potrebbe venir fuori una partita dai ritmi vertiginosi. Difficile dire se convenga piu’ all’una o all’altra cercare di portare i ritmi giu’ per mettere in difficolta’ l’avversario..

  2. Mi é venuto un colpo a leggere questa formazione del Galles e sono sprofondato in una crisi di identità. Poi l’ho riletta e credo ci sia un errore (salvo che non sia il mio cellulare a farmi scherzetti).
    Credo ci sia un refuso Fumero, Scozia e non Galles.

Rispondi