Eccellenza: Mogliano in crisi, è fuggi fuggi

Il club veneto ha annunciato l’addio di diversi importanti giocatori della rosa che lasciano il club in grave crisi economica.

E’ lontano, lontanissimo, l’anno in cui Mogliano conquistò uno storico scudetto. Da allora, però, le cose sono cambiate e a Mogliano dai trionfi si è passati alla crisi. Di gioco, con il club in fondo all’Eccellenza, ma soprattutto societario ed economico. Una crisi già nota da tempo, con voci di giocatori insoddisfatti e preoccupati, voci che ora diventano realtà. Il club, infatti, ha diramato un comunicato stampa in cui si annuncia che una parte consistente della rosa è stata svincolata e lascia Mogliano. Ecco il comunicato dei veneti.

“Mogliano Rugby comunica che, per scelte legate ai propri impegni lavorativi non più conciliabili con gli impegni sportivi, non faranno più parte della rosa della Squadra di Eccellenza i giocatori Davide Giazzon e Michele Visentin. Il club ha inoltre svincolato gli atleti Gonzalo Padrò, Thorleif Halvorsen e Charlie Connoly, tutti trasferitisi all’estero.

Hanno deciso di cambiare casacca anche i giocatori Riccardo Pavan, approdato al Verona Rugby, e William Visentin, in trasferimento al Rugby Casale. Mogliano Rugby, comprese le necessità e le volontà di ognuno degli atleti summenzionati, augura loro ogni fortuna e il meglio nelle rispettive attività sportive e professionali.

Per il prosieguo del campionato il Club ripone massima fiducia sul giovane Gruppo a disposizione, che nel corso delle ultime due partite ha risposto in modo compatto dimostrando grande vigore sul campo, mantenendo l’attenzione sugli obiettivi primari da raggiungere, di crescita e di maturazione personale e collettiva”.

Foto – Mogliano Rugby/Alfio Guarise

[amazon_link asins=’B07337GMND,B077RVZCBF,B074XNNLBN’ template=’ProductCarousel’ store=’it-1′ marketplace=’IT’ link_id=’9e1a1349-f6b2-11e7-b195-c747d32ddb2d’]

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Rispondi