Razzismo: Casellato espulso per insulti

Il tecnico del Rovigo espulso nella ripresa dopo aver usato epiteti razzisti nei confronti di Jeremy Su’a.

Un insulto razzista a metà del secondo tempo rischia di costare caro a Umberto Casellato, coach del Rovigo. Al 56′ della sfida di Continental Shield tra il Petrarca Padova e i rossoblù, infatti, il tecnico urla nei confronti del samoano Su’a un epiteto razzista (“nero di m…” secondo i rodigini, “sporco nero” secondo i padovani). A sentirlo è il quarto uomo, Andrea Spadoni, che lo segnala all’arbitro, che espelle Casellato.

A scatenare la rabbia del tecnico un presunto fallo del numero 8 del Petrarca nei confronti di Antl. Nel postpartita è lo stesso Casellato a scusarsi sia con il giocatore sia con la squadra avversaria, dichiarando “Ho fatto una cavolata. Sono stato espulso dopo un tafferuglio a bordo campo e nella concitazione del momento ho rivolto a Su’a un insulto razzista. Mi sono scusato con lui, con tutto il Petrarca e con la mia squadra. Mi dispiace per il mio comportamento, usare questo tipo di parole non fa parte del mio carattere e del mio essere”, come scrive il Gazzettino.

Scuse ribadite anche dalla dirigenza del Rovigo, nelle parole di Favaretto “Approfondiremo la vicenda parlando direttamente con l’interessato e prenderemo una decisione a mente fredda (probabile un consiglio di amministrazione già nelle prossime ore, ndr). Di una cosa, però, sono sicuro: Casellato non è razzista. A volte si lascia andare e dice cose che non pensa realmente. Ha capito subito la gravità del suo gesto. E’ molto amareggiato”. E il Petrarca? “Il suo comportamento è inqualificabile. Indipendentemente dalla squalifica, parleremo con la Federazione per capire quali altri provvedimenti prendere nei confronti del tecnico del Rovigo” le parole di Giuseppe Artuso, dg del Petrarca.

Duccio Emanuele Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Rispondi