Varsity Match: Oxford torna al successo e fa 60

Si è disputata ieri la storica sfida con Cambridge, con questi che, però, si sono aggiudicati la partita femminile.

Torna al successo dopo due ko Oxford e conquista, così, il 60 Varsity Match della sua storia. Ieri a Twickenham è andata in scena la storica sfida tra le due Università britanniche e dopo due vittorie di Cambridge il trofeo torna a casa Oxford, che così si porta a tre vittorie dagli storici rivali.

Il match si è concluso 38-16 per Oxford, in un match che però ha vissuto sul filo dell’equilibrio per un tempo. Nei primi 40 minuti, infatti, è Cambridge a partire meglio con il piede e portarsi sul 9-3, con anche una meta annullata. Oxford segna la prima meta del match quasi allo scadere con Dan Barley per il 10-9 con cui si va al riposo. Nella ripresa, però, i ragazzi in scuro cambiano ritmo e al 44′ vanno in meta con la seconda linea Charlie Pozniak, sospinto dal suo pack. All’ora di gioco l’allungo decisivo, con l’ala Tom Stileman che schiaccia al largo per il 24-9 che chiude i discorsi. Al 65′ è ancora Dan Barley ad andare oltre, mentre al 70′ è capitan Nick Koster ad accorciare le distanze per Cambridge, ma la meta di Tom Humberstone due minuti dopo chiude il discorso sul 38-16. Curiosità: ad arbitrare il match c’era Nigel Owens.

Prima del match storico, che si disputa dal 1872, sono scese in campo le ragazze, con Oxford e Cambridge che si affrontavano in campo femminile per la trentesima volta nella storia. A confermarsi campionesse, questa volta, le studentesse di Cambridge in un match equilibratissimo e chiuso solo sull’8-5. Nel primo tempo è Emily Pratt ad andare in meta, mentre a inizio ripresa è un piazzato di Alice Elgar a dare l’8-0 per le ragazze in chiaro. Nel finale prova la rimonta Oxford, ma riesce ad accorciare solo con la meta di Collis che fissa il punteggio finale.

Vota l'azzurro dell'anno 2018
7674 votes

Duccio Emanuele Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Rispondi