Pro 14: Treviso e Zebre, le strade si son già divise

Dopo 10 turni di Guinness Pro 14 le due squadre italiane mostrano, ancora una volta, due marce ben diverse.

I successi sono simili, tre per le Zebre, quattro per la Benetton. Ma le similitudini tra le due franchigie italiane finiscono praticamente qui. Se si esclude l’avvio, con due vittorie a testa nei primi tre turni che avevano fatto gridare a una nuova era per il rugby italiano. E se la Benetton era abituata a giocarsela con le migliori, per le Zebre sembrava che l’effetto Bradley – unito alla tranquillità economica ritrovata – facesse effetto. Sembrava, perché non è così.
Segui live e in esclusiva la Guinness Pro 14 su DAZN

Qui Treviso

Dalla quarta alla decima giornata, infatti, Benetton e Zebre hanno vinto solo altri tre match, due con i biancoverdi, uno con i bianconeri. Ma la grossa differenza la fa come queste sconfitte sono arrivate. Guardiamolo. Treviso, prima del successo con i Kings, era reduce dai ko con i Cheetahs (31-25), Ulster (10-15), Leinster (3-31), Edimburgo (31-30) e Ospreys (27-10). Come si vede, tre sconfitte con bonus, dove piccole imperfezioni sono costate care, e due brutti ko pesanti. E le Zebre?

Qui Zebre

Venerdì con gli Ospreys è finita 43-0, con Munster 7-32, con Cardiff 37-0, con Glasgow 36-8, sempre con gli Ospreys 8-22 e con Newport 16-5. Nessun bonus difensivo conquistato nei ko subiti, e ben quattro match persi malamente. Il tutto si evidenzia guardando la classifica, con Treviso che ha una differenza tra punti fatti e punti subiti di -34, mentre le Zebre hanno un passivo di -141. Insomma, se la Benetton ha buttato via diverse occasioni per puntare ai playoff, le Zebre sembrano tornate a essere quelle viste in passato, quando erano la cenerentola del torneo. L’effetto “Bradley” è già finito e siamo tornati all’armata Brancaleone che conoscevamo?

Vota l'azzurro dell'anno 2018
7676 votes

Duccio Emanuele Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

3 commenti su “Pro 14: Treviso e Zebre, le strade si son già divise

  1. Diciamo che il Benetton senza la disgrazia arbitrale e varie occasioni gettate al massimo potrebbe essere vicono al pareggio tra punti fatti e subiti e potrebbe valere un posto nella classifica globale tra il 4 e il 10 dove ci sono molte squadre che quasi si equivalgono, mentre le zebre potrebbero stare tra il 10 e il 12 posto.

  2. Se guardiamo la classifica nei dettagli scopriamo che Benetton e Ulster non sono così distanti, la differenza la fanno forse alcune sfumature. Ulster con 4 mete in meno fatte e 1 subita in più ha realizzato 6 punti in più e queste ci deve dare lo stimolo per provare a lottare per il terzo posto nella conference. Se poi sarà quinto, amen, ma almeno ci avremo provato

  3. Treviso quest’ anno avrebbe potuto tranquillamente occupare una posizione in classifica migliore se i suoi calciatori avessero messo dentro più punti. Fra gli errori dalla piazzola di Allan e Mc Kinley almeno due partite in più le avrebbero totalizzante. Le Zebre fanno troppi errori in fase difensiva e prendono troppe mete, e nelle ultime partite non stanno giocando bene nemmeno in attacco. Mi auguro in una loro pronta ripresa, mentre per Benetton penso che i play off siano alla loro portata se sapranno essere più cinici!

Rispondi