Italia – Australia: a Padova gli azzurri cercano il colpaccio

Oggi alle 15, diretta su Dmax, l’Italrugby affronta una delle tre regine dell’Emisfero Sud che più l’ha sofferta in passato.

I precedenti

Dopo il Sudafrica due anni fa, l’Italia ovale sogna un altro scalpo di prestigio a Padova contro l’Australia. E i Wallabies sono storicamente la formazione che più ha sofferto gli azzurri tra le tre ex squadre del Tri Nations, anche se – come detto – l’unico successo è arrivato contro gli Springboks. Ma le statistiche parlano chiaro: contro gli All Blacks in 14 partite l’Italia mediamente ha perso 55-10, contro il Sudafrica in 14 precedenti ha perso con un punteggio medio di 12-44, mentre con i Wallabies nei 16 precedenti il risultato medio è di “solo” 36-14. Certo, sempre cifre ragguardevoli, ma ci sono almeno un paio di precedenti che ci ricordano che l’Australia ha avuto paura contro l’Italia, come il 19-22 a Firenze nel 2012 o il 40-27 dell’estate 2017, quando però gli azzurri erano a -1 fino a due minuti dalla fine.

Le formazioni

Di quel match oggi restano due dei tre marcatori azzurri, Campagnaro e Benvenuti, mentre di buon auspicio può essere che a Brisbane la mediana è la stessa che vedremo oggi a Padova. Per il resto, rispetto alla Georgia Conor O’Shea inserisce solo Jayden Hayward a estremo al posto di Luca Sperandio, mentre Michael Cheika rimescola le carte rispetto al ko contro il Galles, con un esordiente nel XV titolare, Gordon, mentre Petaia viene escluso all’ultimo per infortunio, con al suo posto Marika Koroibete. A restare identiche sono le seconde e terze linee, a dimostrazione di come il ct australiano tema l’Italia proprio in mischia e voglia soprattutto vincere la sfida nei breakdown, dove si potrebbe decidere la partita.

Le parole della vigilia

“L’Australia è una squadra difficile da affrontare, abbiamo lavorato bene negli ultimi giorni e per la prima volta dall’inizio dei test abbiamo avuto una normale settimana di lavoro senza lunghi tragitti. Sappiamo che giocare il nostro miglior rugby può metterli nei guai – ha dichiarato Conor O’Shea alla vigilia –. Abbiamo ottenuto un’importante vittoria contro la Georgia, ma il nostro obiettivo da domenica scorsa è solo il prossimo avversario. Abbiamo alcuni ragazzi che possono creare dei seri problemi ai Wallabies. Ci auguriamo di giocare un bel match d’attacco. Saremo ambiziosi e vedremo dove ci porterà. Non siamo qui per essere vittime sacrificali. Siamo persone competitive e non entriamo mai e poi mai in campo con l’idea di non vincere”. Fischio d’inizio, come detto, alle 15 con l’incontro che sarà trasmesso in diretta da DMAX, canale 52 del digitale terrestre. Match anticipato da DMAX “RUGBY SOCIAL CLUB” dalle 14.15. Ospiti Daniele Piervincenzi, Paul Griffen e Giovanbattista Venditti.

ITALIA – AUSTRALIA

Sabato 17 novembre, ore 15.00 – Stadio Euganeo, Padova
Italia: 15 Jayden Hayward, 14 Tommaso Benvenuti, 13 Michele Campagnaro, 12 Tommaso Castello, 11 Mattia Bellini, 10 Tommaso Allan, 9 Tito Tebaldi, 8 Abraham Jurgens Steyn, 7 Jake Polledri, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd, 4 Alessandro Zanni, 3 Simone Ferrari, 2 Leonardo Ghiraldin, 1 Andrea Lovotti
In panchina: 16 Luca Bigi, 17 Cherif Traore’, 18 Tiziano Pasquali, 19 Marco Fuser, 20 Johan Meyer, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Carlo Canna, 23 Luca Morisi
Australia: 15 Israel Folau, 14 Adam Ashley-Cooper, 13 Samu Kerevi, 12 Bernard Foley, 11 Marika Koroibete, 10 Matt Toomua, 9 Jake Gordon, 8 David Pocock, 7 Michael Hooper, 6 Jack Dempsey, 5 Adam Coleman, 4 Izack Rodda, 3 Taniela Tupou, 2 Folau Fainga’a, 1 Scott Sio
In panchina:16 Tatafu Polota-Nau, 17 Jermaine Ainsley, 18 Sekope Kepu, 19 Rob Simmons, 20 Pete Samu, 21 Will Genia, 22 Kurtley Beale, 23 Dane Haylett-Petty
Arbitro: Pascal Gaüzère

Dopo Italia-Australia puoi seguire live, in esclusiva e gratuitamente Scozia-Sudafrica e Irlanda-Nuova Zelanda su DAZN

Duccio Emanuele Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Rispondi