Rugby e Politica: Parisse “Oggi in Italia leader senza carisma e competenza”

In un’intervista a la Repubblica il capitano azzurro dipinge un quadro cupo della politica italiana.

Dice che di politica non vuole parlare, ma le sue parole sono un spear tackle nei confronti dell’attuale classe politica italiana. Sergio Parisse, capitano dell’Italrugby, ha rilasciato un’intervista a Massimo Calandri per la Repubblica. E oltre a parlare di rugby si affronta anche il tema dell’Italia di oggi. E Parisse va giù duro.

“Vivo a Parigi, però mi tengo informato e so quel che sta accadendo nel mio Paese. Non voglio entrare in questioni politiche, ma è chiaro che ci sono pochi punti di riferimento. Nessun rispetto per i ruoli, per le regole. Per la parola data. Oggi uno dice una cosa e il giorno dopo fa l’esatto contrario. È l’ultimo arrivato? Fa lo stesso: contesta le cariche più importanti. Non ha carisma, esperienza, competenza, coerenza: ma parla, dà lezione a tutti. Sbaglia, si contraddice come se nulla fosse: senza preoccuparsi di aumentare la confusione, di perdere credibilità” le parole di Parisse. Che non voleva entrare in questioni politiche…

Foto – Instagram/sergioparisse

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

2 commenti su “Rugby e Politica: Parisse “Oggi in Italia leader senza carisma e competenza”

  1. SCUSATE… ma come diceva il Barbiere? Ad ognuno il proprio mestiere.
    Perché non parlare dei problemi della FIR, invece del governo?
    Forse perché il governo( questo ) sta per togliere al Coni e quindi alle Federazioni, il vasetto della marmellata; eliminando e controllando, di fatto, la gestione economica dei fondi governativi, agli stessi Enti?
    Ma forse sono troppo avanti con i discorsi…
    mala tempora currunt, tra capitani, dunque?

Rispondi