Benetton Treviso: Zatta “Dimostriamo chi siamo in Europa”

Alla vigilia dell’esordio in Challenge Cup il presidente biancoverde fa il punto della situazione.

La prima stagione senza italiane in Champions Cup. Uno shock, forse, ma per chi vive quotidianamente il rugby d’alto livello la chance di dimostrare quale sia realmente il valore del rugby italiano. Così la pensa, per esempio, Amerino Zatta che non fa un dramma dell’assenza delle italiane dalla passima competizione europea. “Prima c’erano delle forzature. Il regolamento ci favoriva, stabilendo la partecipazione di una squadra italiana, a prescindere dai risultati conseguiti. Ora la regola è stata cambiata e, personalmente, trovo giustissimo che a competere, nella massima coppa, siano le squadre più meritevoli” dice Zatta al Gazzettino.

E Treviso in Challenge? “Se le prime venti squadre disputano la Champions, oggi siamo dal 21° posto in poi. Sarà proprio questa competizione a dirci a che punto siamo nel ranking europeo – dice Zatta con grande realismo -. Proprio il fatto di giocarcela con quel tipo di squadre (Cardiff è campione in carica, ma in Pro 14 Treviso ha saputo battere i Blues più volte, ndr.), deve farci andare in campo fiduciosi, però senza l’assillo di un certo risultato, ma con il desiderio di dimostrare che ci siamo e possiamo dire la nostra”.

Passando dall’Europa alla Pro 14, Zatta è felice dell’inizio di stagione. E’ “sicuramente positivo. Abbiamo qualche piccolo rammarico, potevamo raccogliere qualche punto in più. Ma abbiamo avuto un discreto avvio di campionato, la squadra sta facendo significativi progressi. Questo ci conforta: il progetto iniziato due anni fa sta portando oggi i primi frutti. Evidentemente dobbiamo continuare a crederci” le sue parole, con Zatta che poi conclude parlando dell’accordo tra Fir e Pro 14 che manterrà le squadre italiane nel campionato almeno per un altro quinquennio. “Sarebbe stato un dramma non partecipare più a questa manifestazione. La nostra presenza invece ora è consolidata e, a maggior ragione, ci dà la forza di proseguire nella linea impostata”.

Foto – Benetton Treviso

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *