Italrugby: Minozzi e la gravità dell’assenza

Il Grillotalpa, aka Paolo Wilhelm, parla degli infortuni che hanno colpito l’Italia in questo avvio di stagione.

“Manca solo un anno alla Coppa del Mondo e la qualità dei test match di preparazione che abbiamo organizzato riflette sia le nostre ambizioni, sia la direzione che vogliamo avere come movimento. Abbiamo deciso di avere una serie di test che ci consentano di arrivare ai Mondiali dopo aver giocato contro i migliori, pronti non solo a giocare ma a vincere grandi partite”. Mentre veniva diffuso il comunicato FIR con le parole del ct Conor O’Shea sul programma pre-mondiale dell’Italia (10 agosto 2019 gara contro l’Irlanda, il 30 dello stesso mese contro la Francia, il 6 settembre a Newcastle sfida agli inglesi. In mezzo, il 17 agosto il test con una squadra di Tier 2 ancora da definire. Un programma tosto, senza dubbio) probabilmente il tecnico irlandese stava pensando a questo: “!@$&!?£!!”.

No, non sono impazzito, ma sono sicuro che gli improperi del responsabile tecnico della nostra nazionale sono arrivati molto in alto alla notizia degli infortuni di Zani e Minozzi dopo la prima partita stagionale con Benetton Treviso e Zebre nel Pro14. Continua a leggere su Il Grillotalpa.

Ti potrebbe anche interessare

Un commento su “Italrugby: Minozzi e la gravità dell’assenza

  1. Ok Minozzi ha avuto una grande annata e si e’ dimostrato all’altezza dei palcoscenici migliori….ma Padovani? L’anno prima le celebrazioni erano le stesse ora diventa un brocco?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *