Top 12: introdotto l’Head Injury Assessment

La Fir implementa il protocollo per la verifica dei traumi cranici nel massimo campionato italiano.

Il Consiglio Federale di FIR, riunito venerdì scorso a Bologna, ha accolto favorevolmente la proposta avanzata dalla Commissione Tecnica Federale e dalla Commissione Medica Federale deliberando l’implementazione del protocollo per la verifica dei traumi cranici in tutte le partite di stagione regolare e delle fasi finali del Top12, il massimo campionato nazionale.

Introdotto in via sperimentale nelle fasi finali dell’Eccellenza 2016/17, il protocollo “H.I.A.” (Head Injury Assessment) sviluppato dalla federazione internazionale World Rugby troverà piena applicazione, dal prossimo 15 settembre, nella manifestazione che assegna il titolo di Campione d’Italia, rafforzando il processo di sensibilizzazione e di promozione di una cultura del welfarepresso giocatori, tecnici, arbitri e staff medici.

Per la corretta valutazione neurologica in caso di sospetti traumi cranici la FIR avvierà nelle prossime settimane una serie di corsi formativi dedicati specificamente agli staff tecnici delle Società di Top12, rendendo al tempo stesso obbligatoria la presenza del medico di squadra di ciascuna Società negli incontri interni ed esterni di regular season.

Il Prof. Vincenzo Ieracitano, Presidente della Commissione Medica Federale e membro del gruppo di studio per la gestione dei traumi cranici di World Rugby, ha dichiarato: “Continuare a formare e sensibilizzare tutte le componenti del movimento alla corretta diagnostica di eventuali traumi cranici e, più in generale, alla cultura del player welfare è una delle principali missioni della Commissione Medica Federale e, più in generale, di tutta la FIR. Continuare a informare, sensibilizzare e far comprendere come una gestione efficace dei potenziali traumi concussivi sia parte del percorso di crescita del nostro sport è indispensabile non solo per la tutela della salute degli atleti, ma anche per far comprendere a stakeholders interni ed esterni come il rugby italiano abbia a cuore il benessere dei propri praticanti. L’obbligatorietà dell’applicazione del protocollo H.I.A. nel massimo campionato nazionale segna, in tal senso, un importante passo avanti nel progresso culturale del rugby italiano che, siamo certi, non potrà che avere effetti positivi sull’intero movimento”.

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

Un commento su “Top 12: introdotto l’Head Injury Assessment

  1. Skills, dor, coach, persino il latino inglesizzato Momentum, break down e un’infinità di altre per poi arrivare al Head Injury Assessment che solo a pensare come si pronuncia mi viene mal di testa al pari delle vittime di concussion.
    Prima o poi un pilone, uno di quelli “ignoranti dentro”, con le dita delle mani che sembrano luganighe, gli occhi compressi e rimpiccioliti dagli zigomi gonfi, il copìn sempre rasato con quei bruschetti che si alternano ai capelli, uno di quelli delle nostre parti, insomma. Calzettoni sempre abbassati.
    Lui, prima o poi, vendicherà tutti noi perché al centro del campo, lo stadio ammutolito, urlerà al mondo:”… …. … ..aaaa !!!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *