Rugby solidale: a Milano in carcere con Diego Dominguez

Parte oggi, fino al 29 giugno, il Gruppo Mediobanca Sport Camp all’interno dell’istituto minorile “Beccaria”.

Il Gruppo Mediobanca Sport Camp è un progetto solidale, realizzato in collaborazione con il Comune di Milano e finalizzato alla promozione dell’inclusione sociale e del processo di reinserimento dei minori ospitati presso l’Istituto Minorile Penale “Cesare Beccaria” di Milano. L’iniziativa, alla sua seconda edizione, conferma l’impegno del Gruppo a sostegno degli individui a rischio di esclusione sociale. Nato nel 2017 in collaborazione con l’ex capitano della Nazionale Italiana di Rugby Diego Dominguez e con il suo staff, il Camp si tiene quest’anno dal 25 al 29 giugno presso l’Istituto Minorile Penale “Cesare Beccaria” di Milano e vede coinvolti circa quaranta ragazzi tra i 16 e i 21 anni che nel corso della settimana praticheranno quattro sport di squadra: rugby, calcio, nuoto e ultimate.

Quest’anno il Gruppo Mediobanca ha voluto prendere parte al progetto anche attraverso l’impegno diretto dei propri dipendenti. Sarà presente, infatti, una delegazione del Gruppo, composta da undici persone che parteciperanno a turni alle competizioni e collaboreranno con lo staff nel corso della settimana. Per ciascuna disciplina è prevista inoltre la presenza di alcuni campioni che con la loro esperienza guideranno i ragazzi durante la pratica. Federico Morlacchi (4 medaglie d’oro alle Paralimpiadi di Rio 2016) scenderà in vasca durante le sfide del nuoto, Daniele Massaro e Filippo Galli dirigeranno gli allenamenti e le partite di calcio.

Il torneo vedrà anche la partecipazione straordinaria di due squadre esterne all’Istituto: il 28 giugno sarà presente la Primavera dell’A.C. Milan, mentre il 29 giugno sarà presenta la squadra di rugby del CUS Milano. Una partecipazione mirata a favorire la socialità dei ragazzi in un contesto di sana e leale competizione. Per concretizzare l’obiettivo del Camp sono previsti, inoltre, sessioni dedicate al racconto dei valori e dello spirito del rugby e di tutto lo sport: lealtà, disciplina, solidarietà, responsabilità e spirito di squadra. Nel corso del Camp verrà inoltre posto l’accento, grazie alle testimonianze dei campioni e degli allenatori presenti, sull’importanza di una corretta alimentazione e di uno stile di vita sano.

Duccio Emanuele Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Rispondi