Test Match: l’Irlanda espugna Melbourne

Si è conclusa la seconda sfida tra i tuttiverdi e l’Australia.

Vince l’Irlanda, che sfrutta un giallo australiano nei primi minuti per scavare il gap che i Wallabies non riescono più a richiudere. Si inizia con il botta e risposta tra Kurtley Beale al 2′ e Andrew Conway al 7′. In mezzo il giallo di cui parlavamo a Marika Koroibete. In inferiorità numerica l’Australia subisce prima la meta, poi due piazzati di Sexton per il +6 irlandese. Gli ospiti allungano ancora dalla piazzola al 22′, ma al 26′ arriva la meta tecnica – e giallo a Healy – che chiude il primo tempo sul 16-14 per gli ospiti.

Nella ripresa si vive un monologo irlandese, con Sexton e compagni che fanno il bello e il cattivo tempo e al 54′ riallungano con la meta di prepotenza di Tadhg Furlong. Al 66′ è ancora Sexton (che ha superato i 700 punti nella sua carriera internazionale) ad allungare, ma al 77′ Jack McGrath prende un giallo e regala un fallo all’Australia. In superiorità numerica arriva la meta di Taniela Tupou, ma il tempo non c’è più e l’Irlanda vince 26-21.

Foto – Instagram/rugbycomau

Duccio Emanuele Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Un commento su “Test Match: l’Irlanda espugna Melbourne

  1. Di nuovo un gran TM tra queste due squadre, grande intensita’ e fisicita’ da parte di entrambe le squadre ma questa volta il game plan irlandeese funziona e l’Irlanda porta la serie alla terza partita!
    Per l’IRlanda la differenza principale questo partita e’ stata nei breadowns dove son riusciti a vincere la battaglia fisica e tattica. Pochissimi isolamenti e supporti sempre in tempo che hanno garantito pulizie nettamente piu’ veloci rispetto alla scorsa settimana con Pocock e Hooper (ma anche Coleman) che non son riusciti a fare il lavoro che han fatto nel primo TM. In fase difensiva anche un’Irlanda piu’ reattiva e rapida sui BD con un POM spettacolare che mette a segno 2-3 TO fondamentali.
    Non riuscendo a rallentare l’uscita del pallone come una settimana fa le salite degli australiani sono meno rapide ed efficaci facendo in modo che l’IRlanda non subisca gli imaptti, anzi riesca spesso a dominarli coi giocatori che arrivano al placcaggio in avanzamento. Difesa irlandese che fa anche un buon alvoro, tiene quasi sempre lo scontro fisico e non si fa “uccellare” cosi’ al largo perche’ i Wallabies non riescono a torvare quei reload veloci ed offload del primo match.
    Oltre a POM un James Ryan che ormai non stupisce neanche piu’ ed un Furlong tornato ai suoi momenti migliori della stagione oggi.

    Prossimo TM che promette fuochi d’artificio, sperando che la computa infortunati non ci privi di uomini chiave (POM e Sexton usciti con qualche problema).

Rispondi