TM: a novembre Italia-Irlanda a… Chicago

Quarto test autunnale quest’anno per gli azzurri che sbarcheranno negli USA.

La stagione 2018/19 della Nazionale Italiana Rugby prenderà il via sabato 3 novembre al Soldier Field di Chicago, storico campo di casa della franchigia di NFL dei Bears, con un test-match che metterà di fronte gli Azzurri di Conor O’Shea all’Irlanda, dominatrice del NatWest 6 Nazioni 2018.

Il test che segnerà il debutto stagionale dell’Italrugby si inserisce all’interno di un trittico di incontri che si svolgerà nell’iconico impianto della windy city il 3 novembre e che metterà di fronte dapprima la Nazionale Femminile statunitense alle Black Ferns neoezelandesi campioni del mondo, culminerà con la sfida tra Irlanda e Italia per poi concludersi con la partita tra gli Stati Uniti e i New Zealand Maori.

Per FIR un’occasione di far conoscere sempre più il rugby italiano anche al di là dell’Atlantico, per la Nazionale un test contro un avversario di altissimo livello prima di calarsi nel trittico autunnale contro Georgia, Australia e Nuova Zelanda: “Continuare a sviluppare il marchio FIR e far conoscere il rugby italiano nel mondo è uno dei nostri impegni principali, al pari del portare la nostra Nazionale ad essere una tra le più competitive a livello internazionale. Stiamo lavorando moltissimo per essere sempre più vincenti e questo passa da una collaborazione sempre più stretta con le nostre due franchigie di PRO14 e con la Rugby World Cup 2019 come obiettivo nel medio termine. Per crescere non possiamo non confrontarci con i migliori al mondo e aver aggiunto l’Irlanda al nostro calendario autunnale 2018 è assolutamente coerente sia con l’offrire ai nostri atleti più occasioni per competere al massimo livello sia con lo sviluppare il rugby italiano e il Gioco in generale in un grande mercato come quello statunitense” ha dichiarato il Direttore Commerciale di FIR, Carlo Checchinato.

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

9 commenti su “TM: a novembre Italia-Irlanda a… Chicago

  1. per me che sono distratto la notizia è Checchinato direttore commerciale. Non lo sapevo. Chissà se è sua l’idea di andare a farci asfaltare oltreoceano

  2. Interessante e assolutamente cool l’idea di promuovere il rugby italiano nel mondo. Si sa mai che poi esca dalla clandestinità in Italia.

  3. spero solo sia una mossa per far cassa sfruttando la presenza massiccia delle comunità originarie delle due nazioni e un po’ di tiro del torneo nuovo per la curiosità di veder giocare 2 del 6N, perchè, almeno da parte nostra, le altre giustificazioni sono patetiche, oltre che, per l’italia, l’unica partita importante a novembre, è quella con la georgia e rischiare di lasciare pezzi sul campo a chicago contro una corazzata, che tra l’altro, conosciamo a memoria, mi pare veramente una grandissima strxxxata.
    ma io non sono abbastanza marketing manager (o marchettaro che dir si voglia) quanto le grandi menti della fir

  4. La trasferta negli stati uniti per giocare contro l’Irlanda la settimana prima di ricevere la Georgia. Spero almeno che paghino bene.

    1. Quindi anche gli AB sono andati lì per tirare su due soldi?
      Se lo fanno loro possiamo farlo anche noi o è vietato perché lo dici tu?
      Sei di una monotonia sconcertante!

      1. Ho sempre criticato aspramente i TM aggiuntivi, però se tu dici che noi siamo come gli ALL BLACKS, bè allora hai un tantino le idee confuse. Non ho criticato la scelta di andare o meno, staff tecnico e dirigenza sicuramente avranno valutato pro e contro di questa iniziativa, anche smaltire il viaggio ed il jat lag del ritorno nel preparare la sfida alla Georgia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *