Italseven: parte da Mosca la caccia all’elite

La nazionale di rugby 7s impegnata questo weekend nella prima tappa delle Grand Prix Series.

Inizia questo fine settimana l’avventura dell’Italseven di Andy Vilk nella manifestazione europea di rugby a sette. Priva, in questa prima tappa, di alcuni giocatori di assoluto livello come Simone Rossi, Simone Ragusi e Niccolò Fadalti, impegnati nella finalissima d’Eccellenza, e forse Gino Lupini, infortunato ma in recupero, gli azzurri dovranno comunque iniziare con il piede giusto la corsa verso un posto tra le migliori, un posto che varrebbe la qualificazione al torneo di Hong Kong.

Sono le World Series, infatti, l’obiettivo che l’Italia deve avere nei prossimi anni se si vuole far crescere la squadra e puntare alla qualificazione olimpica, se non a Tokyo 2020, almeno a Parigi 2024. Gli azzurri l’anno scorso hanno chiuso al decimo posto, alternando prestazioni d’altissimo livello – proprio a Mosca 12 mesi fa – a passaggi a vuoto che ne hanno compromesso il cammino. A differenza del passato, però, nell’ultimo biennio Andy Vilk ha potuto lavorare con un gruppo consolidato di giocatori, tra i quali questo weekend spiccano James Ambrosini, Matteo Falsaperla, Gianmarco Vian, Andrea Pratichetti e il giovane talento Massimo Cioffi.

Inseriti nella Pool C, gli azzurri trovano un girone di ferro per la prima tappa del circuito, con Spagna, Galles e Inghilterra sul proprio cammino. La tappa moscovita del Grand Prix 7s sarà interamente disponibile in diretta su www.rugbyeurope.tv, con i match che inizieranno alle 9 di mattina di sabato. Dopo Mosca, la seconda e terza tappa – a Marcoussis ed Exeter – saranno il 30 giugno e il 7 luglio. Il torneo continentale si chiuderà, poi, a Lodz, in Polonia, l’8 e 9 settembre.

Foto – Polish Rugby Union / Rugby Europe

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *