Super Rugby: ora si parte davvero

Dopo la prima giornata ‘a scarto ridotto’, da questo weekend si inizia a fare sul serio downunder.

Una prima giornata con sole due partite e che hanno coinvolto unicamente i club della conference sudafricana. Una seconda giornata, che è partita all’alba con Sunwolves-Brumbies, dove invece ci sarà il pieno d’azione nell’Emisfero Sud. E subito un derby imperdibile domani mattina, quando in Nuova Zelanda si scontreranno Crusaders e Chiefs nel match più atteso di giornata.

SUPER RUGBY – SECONDA GIORNATA

Sunwolves – Brumbies
Melbourne Rebels – Reds
Highlanders – Blues
Bulls – Hurricanes
Lions – Jaguares
Waratahs – Stormers
Crusaders – Chiefs

Foto – SuperXV

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

10 commenti su “Super Rugby: ora si parte davvero

  1. Bel primo tempo tra Highlanders e Blues. La squadra di Auckland, oltre ad aver trovato finalmente un mediano ordinato in Gatland Jr, riesce ad osare le giocate senza azzardare come gli scorsi anni, ed è molto più efficace. Highlanders cmq in partita è già belli tonici rispetto gli anni passati che iniziavano la stagione sempre in sordina

  2. 9 mete, non male come inizio, vittoria meritata dei padroni di casa, più organizzati in difesa ed in attacco con un Thompson sugli scudi. Blues da registrare ancora la difesa, troppi buchi tra la linea, un invito a nozze per gli avversari…se Gatland è stato promosso, lo stesso non si può dire per Pulu, lento nell uscire il pallone..

    1. Gattolandino però un paio di errori mica da poco e come gestione meglio il primo tempo. Tante mete soft, che restano soft anche con le belle mani e a 70 all’ora.

      1. Sicuramente un primo tempo migliore rispetto al secondo… sulle mete soft pienamente d accordo, ma essendo la prima giornata ci può stare…SBW si vede che gli anni passano, ma la classe rimane inalterata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *