6 Nazioni U20: Francia e Italia, aperitivo di lusso

Il weekend incrociato tra azzurri e Bleus inizia con la sfida juniores a Gueugnon.

I responsabili tecnici dell’Italia U20 Fabio Roselli e Andrea Moretti hanno scelto la formazione che scenderà in campo questa sera a Gueugnon contro i pari età della Francia nella terza giornata del 6 Nazioni Under 20. Quattro i cambi di formazione nei titolari tra gli azzurrini rispetto alla sfida dell’ultimo turno contro l’Irlanda, in cui l’Italia ha sfiorato la vittoria a Donnybrook dopo oltre 70 minuti in inferiorità numerica.

In cabina di regia Antonio Rizzi sarà accompagnato questa volta dal mediano di mischia Luca Crosato, mentre all’ala la maglia numero 14 sarà indossata da Andrea De Masi, con Simone Cornelli che occuperà il ruolo di estremo. Nel ruolo di terza linea spazio dal primo minuto invece a Davide Ruggeri, con il numero 8 Enrico Ghigo che guiderà il giovane pack azzurro. Fischio d’inizio del match programmato per capitan Lamaro e compagni alle 18.45 italiane allo stadio Jean-Laville di Gueugnon.

FRANCIA – ITALIA

Venerdì 23 febbraio, ore 18.45 – StadeJean-Laville, Gueugnon
Francia: 15 Cordin, 14 Tauzin, 13 Seguret, 12 Vincent, 11 Etcheverry, 10 Carbonel, 9 Gimbert, 8 Berruyer, 7 Diallo, 6 Zegueur, 5 Roussel, 4 Lavault, 3 Brennan, 2 Peyresblanques, 1 Kolingar
In panchina: 16 Marchand, 17 Gros, 18 Bamba, 19 Maximin, 20 Heguy, 21 Hardy, 22 N’Tamack, 23 Delbouis
Italia: 15 Cornelli, 14 De Masi, 13 Biondelli, 12 Mazza, 11 Coppo, 10 Rizzi, 9 Crosato, 8 Ghigo, 7 Lamaro, 6 Ruggeri, 5 Canali, 4 Cannone, 3 Mancini Parri, 2 Luccardi, 1 Fischietti
In panchina: 16 Taddia, 17 Mariottini, 18 Romano, 19 Iachizzi, 20 Gulizi, 21 Casilio, 22 Di Marco, 23 Batista

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

3 commenti su “6 Nazioni U20: Francia e Italia, aperitivo di lusso

  1. Se dicessi che la vinciamo porterei sfiga, se ipotizzassi che la perdiamo sarei un menagramo.
    Non faccio previsioni e mi limito a dire che , per me, in nostri giovanotti sono forti, quantomeno caratterialmente e rispetto alle due precedenti c’è un Crosato in più.

  2. Ad ora questa Francia, dopo la Inghilterra, è la squadra più forte del 6N di categoria. Fisicamente molto sviluppati e dietro individualità molto interessanti e che già hanno calcato il top14…partita molto difficile per gli azzurrini

  3. Viste le prime due della Francia e’ una gran bella squadra, ma noto che han fatto un po di turnover per questa. Cambiata ;la mediana totalmente con un NTamak veramente molto interessante che partira’ dalla panchina. Anche in terza linea diversi cambi, probabile rotazione per testare piu’ giocatori.
    E’ una francia che continua nel segno di quanto visto negli ultimi anni: pack potente e dominante (Kollingar e Bamba dalla panchina mi hanno impressionato parecchio), e che assorbe molti upomini aprendo spazi importanti al largo. Spazi che nelle prime due Ntamak ha sfruttato alla grande risultando per me ad oggi il giocatore piu’ interessnate del torneo, da vedere se Carbonel sapra’ fare altrettanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *