Pro 14: Treviso doppia le Zebre, giochi playoff quasi chiusi

Si è disputata nel weekend la quattordicesima giornata della Celtic League. Ecco tutti i risultati.

Chiuso virtualmente il discorso playoff nella conference A, dove Glasgow domina e Munster e Cheetahs inseguono con un margine di sicurezza sulle avversarie nonostante il ko dei sudafricani in casa di Cardiff. E’, invece, corsa a quattro nella conference B, dove il Leinster affianca gli Scarlets in vetta dopo il ko dei campioni in casa a Treviso. Benetton che resta in scia dell’Edimburgo, quarta, ma con otto punti di distacco. Benetton che con 34 punti doppia le Zebre, ferme a quota 17.

PRO 14 – QUATTORDICESIMA GIORNATA 

Connacht – Ospreys 26-15
Newport – Glasgow 15-15
Edimburgo – Leinster 29-24
Ulster – Southern Kings 59-10
Cardiff – Cheetahs 25-20
Munster – Zebre 33-5
Benetton – Scarlets 22-12

PRO 14 – CLASSIFICHE

Conference A: Glasgow 60; Munster 48; Cheetahs 41; Cardiff 29; Connacht 28; Ospreys 21; Zebre 17
Conference B: Scarlets, Leinster 53; Ulster 45; Edimburgo 42; Benetton 34; Dragons 16; Kings 4

Foto – Benetton Treviso

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

3 commenti su “Pro 14: Treviso doppia le Zebre, giochi playoff quasi chiusi

  1. Almeno per la trippa sabato ci è andata bene al Thomond Park, visto come è andata agli altri. Turno di una bruttezza epica ma i 5 punti di Treviso con lo scalpo degli Scarlets sono tanta roba e chissenefrega dell’estetica. Disse Catalano: è meglio vincere una brutta partita che perdere con tanti complimenti. A Limerick infuria la bufera per l’esordio di GG, a occhio però la maggioranza dei buonisti è schiacciante e conforme all’applausometro quando è decollato dalla panchina. Per me l’unico deterrente probabilmente efficace al doping sarebbe “fuori alla prima, a vita” ma le regole sono altre e, dopo due anni di ricamo al tombolo, GG ha diritto di tornare a darle e prenderle in campo. Cosa ci sia da applaudire, bisognerebbe chiederlo agli psichiatri che dei sociologi non mi fido. Nel frattempo, nessuno che si faccia avanti per rilevare la premiata ditta DW&JJH: al caffè pagato per un anno aggiungo una Storica settimanale, giorno a scelta.

  2. Io invece mi chiedo: dove sono tutti quei detrattori, dell’anno scorso, che massacravano con articoli e post in ogni momento, le vecchie Zebre?
    Ora non si capisce perché, le magre figure vengono fatte uguali, uguali e l’unica differenza è che la FIR ( quindi tutti i tesserati ) paga almeno € 1.500.000,00 ( unmilionecinquecento € ) in più, rispetto all’anno prima( prestiti non onerosi a parte?)!
    Ma va bene così…..
    Aggiungasi e si veda poi l’articolo sull’under 20 che chiede che fine faranno tutti questi ragazzi che ben figurano in nazionale.
    Un progetto di una franchigia che raccogliesse i giovani per elevare il livello di questi atleti con l’aggiunta di 4/5 nomi importanti, era stata presentata, prima della querelle Zebre vecchie e Zebre nuove, all’attenzione di chi di dovere, ma è stata considerata inaccettabile.
    Quindi la conclusione è per me questa: il giovane atleta, lo faccio passare da qualche squadra d’eccellenza lombarda o amica e poi dopo un paio d’anni lo mando in Pro 14; di sicuro la società ci guadagna e chissenefrega se il treno ormai è perso!

  3. Treviso che davvero ha tutto quello che serve per raggiungere le 10 vittorie stagionali, che per me sarebbe un grossissimo risultato. Tutto a dimostrazione che un anno di Crawley e buone intuizioni di Pavanello e società stanno creando una squadra che può giocarsela davvero (Scarlets tanti assenti, ma credo Treviso di più tra infortuni e nazionale).
    Giusto per dare alcuni spunti, in una classifica “unica”, Treviso sarebbe 7imo, davanti a Cardiff e Connacht (5 e 6 punti rispettivamente). Trevigiani che hanno la sesta difesa (per punti subiti, sempre sesti ma a pari merito con Connacht per mete subite), ma pagano rispetto alle altre squadre una minor capacità di segnare, che si è vista anche contro gli Scarlets con tante azioni in zona rossa non finalizzate (la differenza punti è -30, settima della lega, ma data appunto più dal fatto che Treviso ha l’11esimo attacco – a pari merito con i Dragons e sotto anche alle Zebre, che dalla difesa).
    Insomma, ci sono non solo enormi miglioramenti rispetto all’anno scorso, ma anche grandi margini di miglioramento che possono far ben sperare (es. Treviso è la squadra che ha concesso più punizioni tra le 14 del campionato. Mettiamo a posto l’indisciplina e ci potremo prendere altre soddisfazioni).
    Per le Zebre, ad oggi la soddisfazione di un attacco prolifico (ma terza peggior difesa), e comunque il fatto che hanno 17 punti. Sia Dragons che Kings sono dietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *