Mondiali 2019: la Romania spaventa l’Italia e vede il Giappone

Si è disputata ieri la prima giornata della Rugby Europe Championship e le migliori scappano via.

Vincono le migliori e la corsa verso la RWC è ormai segnata. La prima giornata dell’edizione 2018 della Rugby Europe Championship vede vincitrici Georgia, Spagna e Romania che subito prendono la leadership nel torneo, ma soprattutto nella classifica aggregata che vale la qualificazione mondiale Romania e Spagna staccano nettamente Russia e Germania, ormai virtualmente fuori dai giochi. Con la Georgia già qualificata, Romania e Spagna si giocano il posto come Europe 1 e quello nello spareggio di ripescaggio.

RUGBY EUROPE CHAMPIONSHIP – PRIMA GIORNATA

Georgia – Belgio 47-0
Romania – Germania 85-6
Russia – Spagna 13-20

RWC QUALIFYING – CLASSIFICA

Romania 20; Spagna 17; Russia 10; Germania 8; Belgio 2

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

6 commenti su “Mondiali 2019: la Romania spaventa l’Italia e vede il Giappone

  1. Ma santo cielo, ma contro chi stanno giocando? Le avete viste le partite? Belgio Germania 😂 ma siamo seri, cavolo! Noi siamo sempre contro Inghilterra Irlanda e compagnia. Loro giocano con belgio e Germania. Siamo seri, su!

  2. Non credo che cambiera’ nulla nel ranking.
    Si giocava a Dublino per il 6N con un differenziale tra IRlanda ed Italia di oltre 15 punti senza contare il fattore campo quindi partita a “parametro 0” nel caso di vittoria Irlandese.
    Discorso uguale per Romania v Germania, oltre 13 punti di distacco nel rnaking senza calcolare il fattore campo di 3 punti…anche qua la vittoria rumena dato il gap ha uno scambio di punti pari a zero.

  3. Cioccolato di legno!

    A parte le battute, la partita Russia-Spagna sarà decisiva per capire chi si qualificherà ai Mondiali, a questo punto vedo la Romania favorita, anche se la Spagna sembra cresciuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *