6 Nazioni B: caccia a un posto ai Mondiali

Inizia questo weekend la Rugby Europe Championship 2018, il cosiddetto 6 Nazioni B, e riparte la corsa iridata.

Parte questo weekend (tutti i match sabato, ndr.) il torneo ‘degli altri’, cioè la Rugby Europe Championship, il torneo che vede in campo quest’anno Romania, Georgia, Germania, Russia, Spagna e Belgio. Un torneo annuale, come il 6 Nazioni, ma che l’anno scorso e quest’anno ha un valore ancora maggiore. Perché il risultato aggregato dei due tornei definirà la qualificata ai Mondiali 2019 in Giappone “Europe 1”, mentre la seconda qualificata andrà allo spareggio contro Samoa, cioè Oceania 3.

Fuori dalla corsa per la Rugby World Cup è la Georgia, già qualificata automaticamente, e dunque sono le altre cinque squadre a giocarsi il Mondo. Ma qual è la situazione dopo la Championship 2017? La Romania guida con 15 punti, seguita dalla Spagna che ne ha 13. Al momento, dunque, sono loro le squadre che andrebbero avanti. Ma attenzione a Russia e Germania, che inseguono rispettivamente a 9 e 8 punti, con il Belgio fanalino di coda con 2 punti.

RUGBY EUROPE CHAMPIONSHIP – PRIMA GIORNATA

Georgia – Belgio
Romania – Germania
Russia – Spagna

RWC QUALIFYING – CLASSIFICA

Romania 15; Spagna 13; Russia 9; Germania 8; Belgio 2

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

4 commenti su “6 Nazioni B: caccia a un posto ai Mondiali

  1. Un torneo interessantissimo, lo seguirò con attenzione; la Georgia vorrà riprendersi il titolo, la Romania non vuole farsi sorprendere dalla Germania e punta direttamente alla vittoria e alla qualificazione nel girone di Giappone, Scozia e Irlanda, la Spagna spera di ripetere l’eccellente performances dello scorso anno (se dovesse confermare la classifica sarebbe nei play-off per i mondiali). La Russia eterna incognita, capace di alternare ottime performances e pessime prestazioni. Impressionanti i miglioramenti della Germania che da ultima della classe ha fatto passi da gigante per la crescita del movimento rugbistico.

    Un torneo che reputo più bello del 6 Nazioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *