6 Nazioni: Inghilterra, il XV per l’Italia

Eddie Jones ha annunciato la formazione che sfiderà gli azzurri domenica a Roma.

Ha invertito Itoje e Lawes tra seconda e terza linea e ha preferito Te’o a Joseph, ma per il resto Eddie Jones ‘copia’ la formazione che Conor O’Shea aveva annunciato per l’Inghilterra una settimana fa (leggi qui). Insomma, una formazione di altissima qualità per l’Inghilterra al netto degli infortuni, con Eddie Jones che dimostra di temere scherzi dall’Italia dopo la “Fox” di un anno fa.

Così la prima linea vede capitan Hartley affiancato da Vunipola e Cole, con Launchbury e Itoje in seconda linea, e Lawes, Robshaw e Simmonds in terza. La mediana è composta da Youngs e Ford, con Farrell e Te’o a centri. Il triangolo allargato vede Brown a estremo con Watson e May alle ali.

INGHILTERRA

15 Mike Brown, 14 Anthony Watson, 13 Ben Te’o, 12 Owen Farrell, 11 Jonny May, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Sam Simmonds, 7 Chris Robshaw, 6 Courtney Lawes, 5 Maro Itoje, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Dylan Hartley, 1 Mako Vunipola
In panchina: 16 Jamie George, 17 Alec Hepburn, 18 Harry Williams, 19 George Kruis, 20 Sam Underhill, 21 Danny Care, 22 Jonathan Joseph, 23 Jack Nowell

Foto – Instagram/englandrugby

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

Ti potrebbe anche interessare

4 commenti su “6 Nazioni: Inghilterra, il XV per l’Italia

  1. Ben Te’o pensavo questa la saltasse, interessante che parta titolare a me (che non sono un suo grande fan) era piaciuto molto da impact player dalla panca la scorsa stagione, aveva spesso dato un grande apporto in quel ruolo alla squadra.
    Continuo a pensare che l’assenza dii Billone Vunipola sia pesantissima, e si fara’ sentire anche questa stagione sul gioco offensivo della squadra.
    Penso anche che MArler-Sinckler come opzioni dalla panchina o con Sinckler titolare e Cole in panca dia una profondita’ diversa e nettamente superiore al 23…li’ in prima linea comunque George per cui stravedo potra’ essere un impact player non da poco, cosi’ come Underhill potrebbe portare dinamicita’ nel secondo tempo. Ford-Farrell ormai la strategia che permette anche di portare in panca Joseph-Nowell, possibilita’ quindi di variare e dare impatto al gioco non da poco dietro.
    Formazione senza dubbio forte anche se gli infortuni e le squalifiche qualcosa le tolgono sul piano della profondita’ del 23.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *