6 Nazioni: Galles, ecco il primo XV del Torneo

Warren Gatland anticipa tutti e annuncia la formazione che esordirà a Cardiff contro la Scozia.

Subito un esordiente in campo dal primo minuto per il Galles che sfiderà sabato pomeriggio la Scozia nel primo match del NatWest 6 Nazioni. Josh Adams, infatti, a 22 anni esordirà all’ala e viene schierato nel triangolo allargato assieme a Leigh Halfpenny e Steff Evans. Hadleigh Parkes e Scott Williams vanno a centri, mentre la mediana degli Scarlets formata da Rhys Patchell e Gareth Davies si ritrova anche in nazionale. Insomma, a esclusione di Adams, che gioca a Worcester, la linea arretrata è formata tutta dai campioni in carica della Guinness Pro 14.

Scarlets che fanno l’en plein anche in prima linea con Rob Evans, Ken Owens e Samson Lee, mentre in seconda vanno Cory Hill e Alun Wyn Jones. In terza, invece, Aaron Shingler e Josh Navidi come flanker, con Ross Moriarty a numero 8. In panchina Elliot Dee, Wyn Jones, Tomas Francis, Bradley Davies, Justin Tipuric, Aled Davies, Gareth Anscombe e Owen Watkin.

GALLES

15 Leigh Halfpenny, 14 Josh Adams, 13 Scott Williams, 12 Hadleigh Parkes, 11 Steff Evans, 10 Rhys Patchell, 9 Gareth Davies, 8 Ross Moriarty, 7 Josh Navidi, 6 Aaron Shingler, 5 Alun Wyn Jones, 4 Cory Hill, 3 Samson Lee, 2 Ken Owens, 1 Rob Evans
In panchina:16 Elliot Dee, 17 Wyn Jones, 18 Tomas Francis, 19 Bradley Davies, 20 Justin Tipuric, 21 Aled Davies, 22 Gareth Anscombe, 23 Owen Watkin

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

8 commenti su “6 Nazioni: Galles, ecco il primo XV del Torneo

  1. 12 Scarlets nei 23, alcune sono scelte forzate, ma in linea di massima tutti meritevoli della chiamata.. Dispiace solo non vedere James Davies in panchina, ma troverà spazio nelle prossime gare.
    Veramente contento per l occasione che Gatland sta dando ad Adams, speriamo che il ragazzo riuscirà a ripagarne la fiducia..per il resto bene o male mi aspettavo una formazione simile, solidità in mezzo al campo ed estro nei punti giusti. Il fattore vincente di questo Galles potrebbe essere proprio l alchimia che c’è tra i vari reparti, dalla prima linea al triangolo allargato. Certo, le assenze sono di quelle pesanti, ma ormai è un problema generalizzato tra tutte le contendenti al 6N…
    Rispondo qua a Stefo, d accordo su tutto quello che hai scritto inerente al Galles, la tenuta difensiva non mi preoccupa in nazionale, visto che Edwards si può considerare uno specialista di livello mondiale…quello che mi preoccupa invece è Howley, uno che veramente non ha mai veramente messo nulla di suo in questa nazionale, anzi sotto di lui i giocatori hanno sempre reso meno…

  2. Non troppe sorprese, complici infortuni l’inclusione di Adams era prevedibile.
    Contento di vedere Gatland finalmente dare la sua strameritata chance a Patchell all’apertura.
    Per me unica sorpresa che ne Tipuric ne Cubby Davies siano titolari, con tutto il rispetto per Navidi per me gli sono superiori.

    1. Sacrifica qualcosa come rapidità e contesa ma mette il peso e l’impatto di Navidi per dare una mano a Moriarty che, come si diceva, non è Faletau così come CH non è Beirne. Certo che lasciare fuori Cubby è dura. Zitto zitto Shingler parte titolare, a me è sempre stato uno che piaceva per etica ma soprattutto per estetica: lungagnone com’è riesce ad essere elegante.

  3. Sono monotematico, tara psichiatrica e rincoglionimento senile, quindi mi fermo alla mediana che, per me, non è seconda a nessuna delle altre 5, nemmeno a quella inglese e a maggior ragione a quella Francese indebolita grazie al colpo di genio del Baffo che ha lasciato a a casa l’unico vero talento di lorlà.

Rispondi