6 Nazioni: tegola Galles, Biggar va ko

L’infortunio alla spalla dovrebbe tener fuori l’apertura per le prime partite del Torneo.

Un altro infortunio funesta la vigilia del NatWest 6 Nazioni 2018. Questa volta a subire un duro colpo è il Galles, con Warren Gatland che probabilmente dovrà rinunciare al suo regista almeno per le prime due sfide del Torneo. Dan Biggar, infatti, si è infortunato alla spalla durante il match di Champions Cup tra i suoi Ospreys e il Clermont e dovrà stare ai box qualche settimana.

Secondo la BBC i match che Biggar rischia di perdere sono quelli contro Scozia, Inghilterra e Irlanda, mentre potrebbe tornare a disposizione con Italia e Francia. Una tegola pesante per Gatland che in questi anni ha sempre dimostrato di considerare Biggar la sua prima scelta a numero 10. E con anche Rhys Priestland infortunato, le alternative possibili sono Rhys Patchell, Owen Williams e Gareth Anscombe.

Foto – Facebook/WelshRugbyUnion

Duccio Fumero

Giornalista professionista tuttofare. Il suo amore per il rugby nasce dal mix, pericoloso, di tre passioni: la bellezza del gioco, l’Irlanda e la birra. Per dieci anni ha curato il blog Rugby 1823 all'interno della piattaforma editoriale Blogo.

6 commenti su “6 Nazioni: tegola Galles, Biggar va ko

  1. Senza dubbio una brutta tegola, ma con Patchell cascano in piedi, giocatore ingorato un po’ troppo negli anni da Gatland che ora spalle al muro dovra’ dargli spazio…sempre che non si affidi ad Anscombe che ad oggi non ha dimostrato di valere quanto Patchell pero’…

  2. “anche Rhys Priestland infortunato, le alternative possibili sono Rhys Patchell, Owen Williams e Gareth Anscombe”… AVÉRGHENE!
    è un’ecatombe di infortunati (fino ad ora, poi si vedrà durante il torneo quanti ne cadono), è urgentissimo valutare delle soluzioni a lungo termine per preservare l’integrità dei giocatori

    1. Bidogna pero’ valutare gli infortuni…per capirci si puo’ mettere un tetto al numero di partite/minuti che un giocatore gioca come si fa col player welfare scheme in IRlanda ed anche il galles ma a conti fatti infortuni ne capitano lo stesso…e’ aumentata la forza degli impatti, come ridurla non e’ facile.

  3. Anche Priestland è rotto, lo cito perché per me è appena sotto Dan (quando stanno bene entrambi). Gattoland non si può lamentare, che per Anscombe ha fatto carte false: auguri.

  4. Il problema non è tanto se Biggar o Liam Williams sono rotti, il primo non proprio in anno di grazia, forse distratto dal trasferimento ai Saints. Il secondo purtroppo reduce da un infortunio e di sicuro non al top della forma.
    Il problema principale è chi schierare ed in che ruolo, partiamo dall apertura, senza dubbio Patchell sarebbe il candidato principale, per talento e minuti giocati. Però le ultime prestazioni ad estremo hanno impressionato tanto, magari qualche errore di troppo c’è stato, ma di sicuro ha offerto più spunti offensivi rispetto ad Halfpenny. Lo stesso Halfpenny potrebbe anche essere spostato all ala, visto che North non so quanto possa essere della partita, da un lato c’è Evans che è un titolare sicuro, il posto secondo me se lo giocano proprio Halfpenny e Adams, rivelazione di Premiership.
    Ad apertura vedrei anche bene Sam Davies, secondo me adattato estremo con scarsi risultati, su Owen Williams non lo so…da tanto che non gioca apertura, mentre a 12 mi sa che poi a livello difensivo generale si perda un pò qualcosa…
    Gatland avrà un bel pò di gatte da pelare in questo inizio torneo, con la speranza che l era della Warren Ball sia finita!

  5. Sam Davies ha fino ad ora deluso e tanto, Biggar ha subito una situazione molto difficile in cui peraltro gli Ospreys (e la WRU, che certo non brilla) si sono bellamente andati ad infilare. Anche se per me resta la scelta n1, comunque è fuori ed è fuori anche Priestland. Halfpenny dopo il trasferimento a Tolone e incidenti vari è francamente irriconoscibile ma sempre meglio lui estremo e Patchell 10 che sacrificare il migliore nello spot ad estremo per mettere Sam o Anscombe. IMHO.

Rispondi